La Virtus ritrova il vero Ale Gentile ed annienta Brindisi


Grazie ad una prova strepitosa di Ale Gentile (31 punti e 29 di valutazione) la Virtus batte 94-85 Brindisi al PalaDozza: riaperta la caccia al quarto posto

– di Marco Vigarani –

Sembra davvero che la Virtus stia tornando quella squadra in grado di impressionare tutti e far sperare in una grande prima annata dopo la promozione. Il successo netto ed autoritario contro Brindisi, combinato con la ritrovata forma di alcuni solisti e la sconfitta di Avellino, riapre infatti la corsa al quarto posto in classifica ed il sogno di vivere un playoff da coprotagonisti per regalarsi un finale di stagione da sogno. I ragazzi di Ramagli stanno ritrovando pezzi e fiducia partita dopo partita riconquistando anche quella fetta di pubblico che nelle difficili settimane dell’inverno aveva temuto di essersi illusa.

31 punti con ottime percentuali per Ale Gentile nel successo contro Brindisi (ph. Schicchi)

I bianconeri sono stati bravissimi a prendere subito il controllo delle operazioni con un avvio sprint tale da mandare a referto l’intero quintetto in pochi minuti e scavare un primo parziale. Sotto canestro è un grande Slaughter mentre dall’arco Baldi Rossi, Aradori e Stefano Gentile fanno urlare ripetutamente il pubblico del PalaDozza ma nel secondo quarto Brindisi torna praticamente a contatto e così serve l’accensione di Ale Gentile per ribadire la volontà di vincere delle Vu Nere. Canestri, assist e giocate del numero 0 sono armi di altissima scuola e così i ragazzi di Vitucci vanno in tilt fino alla bomba di Ndoja che sigilla una prima metà di partita entusiasmante (49-41). Lydeka tenta di riaprire i giochi dopo l’intervallo lungo ma Ale Gentile fa ancora il bello ed il cattivo tempo aiutato dal fratello Stefano che arma la mano prima di Umeh poi di Ndoja tenendo saldamente a distanza gli avversari. Anche Giuri non vuole cedere ma la Virtus trova giocate importanti pure da Lawson in una splendida giornata di gioco corale che la vede arrivare al traguardo sulle spalle solide dei leader Aradori e Ale Gentile (autore di una prova mostruosa sia a livello di punti che di qualità di gioco) che non consentono alcuna speranza ai pugliesi.

Piedi per terra comunque per coach Ramagli che a fine partita spiega: “Oggi ha fatto tutto il nostro attacco, nel bene e nel male. Perchè non è stato bilanciato visto che i lunghi non hanno mai toccato palla la difesa è stata lasciata spesso scoperta. Gentile? È una fortuna averlo perchè è diventato un leader e si è messo a disposizione della squadra: è molto maturato“.

VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA-HAPPY CASA BRINDISI 94-85
(25-19, 49-41, 70-58)
VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA: A. Gentile 31, Umeh 4, Pajola 2, Baldi Rossi 6, Ndoja 10, Lafayette 8, Aradori 17, S. Gentile 7, Lawson 7, Slaughter 2. All. Ramagli.
HAPPY CASA BRINDISI : Suggs 6, Tepic 9, Smith 18, Mesicek 10, Cardillo 3, Sirakov, Moore, Iannuzzi, Donzelli ne, Lydeka 20, Giuri 19. All. Vitucci.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *