La Virtus sbanca Torino e scopre Pajola. Ora i playoff sono ad un passo


Nell’emergenza la Virtus vince in trasferta a Torino per 65-67 ed avvicina la post-season. Oltre a Lawson, grande prova del baby bianconero Pajola

– di Marco Vigarani –

Decisivo l’apporto di Kenny Lawson nel successo sul parquet di Torino (ph. Virtus)

Nel corso della stagione la Virtus aveva già dimostrato di saper reagire con forza e determinazione ai momenti difficili e ieri sera a Torino ne abbiamo avuto un’ulteriore conferma. Afflitta dagli infortuni e colpita a freddo dagli avversari, la truppa bianconera ha preso in mano il proprio destino riportandosi avanti senza cedere neanche al tentativo di rimonta finale dei padroni di casa. Ora per le Vu Nere i playoff stanno per diventare una certezza: un premio meritato da vivere con grande serenità d’animo.

Come detto, l’avvio è stato un vero shock visto che Torino ha piazzato un 12-0 immediato scappando via immediatamente ma la Virtus ha trovato un grande apporto di Lawson in attacco ed una straordinaria applicazione difensiva di Pajola ricucendo con pazienza lo strappo fino a riconquistare la parità ed il sorpasso. Le bombe di Ndoja e Lafayette insieme ai canestri di Aradori hanno fatto tutta la differenza consegnando anche un robusto vantaggio ai bianconeri a metà gara. Vujacic ha ricondotto quindi immediatamente in partita i suoi e nel quarto finale la difesa bolognese ha avuto un ruolo determinante nel conservare un minimo vantaggio fino al termine. Da una parte Washington e Garrett, dall’altra Aradori ed anche Stefano Gentile insieme ad un fantastico Pajola nella propria area difensiva: le due palle perse nel finale dalla Virtus però vengono compensate dall’ultima sprecata da Torino per una vittoria sudata e meritatissima.

Esulta coach Ramagli anche se rivelando in parte un ulteriore problema ad affliggere lo spogliatoio: “La mia squadra è poco controllabile in alcuni momenti. Oltre agli infortuni c’era anche un problema privato che non posso dire ma i ragazzi erano scossi. Non eravamo nella giusta condizione psicologica, abbiamo iniziato male ma poi siamo cresciuti vincendo con merito. Aver vinto in questa situazione significa avere delle qualità di squadra che vanno oltre le statistiche. Pajola? Cercavamo un giocatore che non è arrivato e allora abbiamo fatto con quello che avevamo: sta giocando con una personalità non da uno del 1999“.

FIAT TORINO – VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA 65-67
(22-16, 34-41; 47-51)
FIAT TORINO: Blue 0; Garrett 7; Pelle; Vujacic; Poeta; Boungu Colo 3; Washington 17; Mazzola; Tourè NE; Mittica NE; Stodo NE; Mbawke 13. All. Galbiati
VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA: Gentile A. NE: Chessari NE; Umeh 0; Pajola 2; Baldi Rossi 7; Ndoja 8; Lafayette 9; Aradori 12; Gentile S. 7; Lawson 18; Slaughter 4. All. Ramagli

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *