Lampo Palermo e il Bologna cade ancora


Basta un gol di Vazquez al Palermo per battere il Bologna che resta ultimo in classifica. Ancora deludente Destro

– di Marco Vigarani –

Bologna e Palermo arrivano ad un punto cruciale della propria stagione: vincere è indispensabile per dare un senso ai propri sforzi e difendere la panchina del proprio allenatore. Nel 4-2-3-1 di Rossi si rivede titolare l’acciaccato Ferrari e le chiavi della manovra vengono affidate a Taider, mentre invece Iachini rilancia titolare Gonzalez, appena recuperato da un infortunio, e si affida all’ex rossoblù Maresca in cabina di regia.

Vazquez realizza il gol della vittoria  (ph. Il Resto del Carlino)

Vazquez realizza il gol della vittoria (ph. Il Resto del Carlino)

Il Bologna parte subito forte con Brienza servito da Destro dopo pochi secondi ma la conclusione viene murata in corner. Taider si propone, cerca per due volte il tiro da lontano senza fortuna mentre i rossoblù si rendono protagonisti di un avvio intenso e di buona qualità mantenendo alto il baricentro. Prima Destro e poi Mounier, a cavallo del quarto d’ora, si presentano in area ma falliscono la conclusione per mancanza di precisione e concentrazione e così arriva la punizione. Al 24′ il Palermo si distende sulla sinistra, entra in area con Hiljemark, Diawara si perde Vazquez che, ignorato da Rossettini e Masina, entra nell’area piccola e batte Mirante indisturbato. Il Bologna va sotto sulla prima occasione utile dei rosanero e rischia di capitolare pochi istanti dopo con un colpo di testa di Gilardino che scheggia la traversa facendosi beffe ancora della immobile difesa felsinea. La reazione del Bologna è tutta nei piedi e nella grinta di Mounier che però fallisce un’altra occasione poco dopo la mezz’ora. Il Palermo confeziona altre due occasioni prima dell’intervallo con Rispoli e Gilardino ma va negli spogliatoi comunque in vantaggio di un solo gol, risultato che non spinge Rossi ad effettuare cambi immediati.

Bologna sconfitto 0-1 dal Palermo

Bologna sconfitto 0-1 dal Palermo

In avvio di tempo Rizzo ha una buona occasione sventata da Sorrentino mentre il Palermo, forte del vantaggio, attende sornione per distendersi in contropiede. Le iniziative del Bologna sono sporadiche ma comunque prima Mounier poi Destro hanno la possibilità di riprendere il risultato: il francese si fa neutralizzare in corner mentre l’ex romanista conclude clamorosamente fuori di testa a porta spalancata. Rossi procede ai primi cambi inserendo Donsah per Taider e Mancosu per Mounier subendo una bordata di fischi da parte del pubblico rossoblù ed entrambi si procurano un’occasione con la punta liberata da un errore dei rosanero ed il mediano abile a smarcarsi sulla destra per esplodere il tiro. Con Falco in campo nel finale per Ferrari passando ad un inedito 3-4-1-2, il Bologna ringrazia Gastaldello pronto ad intercettare una conclusione di Gilardino a porta vuota su azione di ripartenza. Sprecate alcune buone punizioni dal limite cercando vanamente lo schema, l’ultima opportunità arriva in pieno recupero con Brienza, smarcato in area da una sponda di Mancosu ma che conckude a lato. Massimo risultato con il minimo sforzo quindi per il Palermo che espugna il Dall’Ara vincendo di misura su un Bologna sempre più solo in fondo alla classifica dopo otto giornate.

Bologna-Palermo 0-1
Bologna (4-2-3-1): Mirante; Ferrari (85′ Falco), Rossettini, Gastaldello, Masina; Diawara, Taider (59′ Donsah); Mounier (70′ Mancosu), Rizzo, Brienza; Destro. A disp.: Da Costa, Stojanovic, Oikonomou, Krafth, Mbaye, Morleo, Crimi, Crisetig, Brighi, Pulgar. All.: Delio Rossi
Palermo (3-5-2): Sorrentino; Andelkovic, Struna, Gonzalez; Rispoli, Hiljemark (53′ Chochev), Maresca, Rigoni, Lazaar (80′ Daprelà); Vazquez; Gilardino. A disp.: Colombi, Alastra, Vitiello, El Kaoutari , Goldaniga, Pezzella, Jajalo, Brugman, Quaison, La Gumina, Trajkovski. All.: Iachini
Marcatori: Vazquez (P)
Ammoniti: Hiljemark (P), Struna (P), Rizzo (B), Daprelà (P)

Print Friendly, PDF & Email



One thought on “Lampo Palermo e il Bologna cade ancora

  1. Vecchio Tifoso

    Purtroppo non c’è altro da fare, Rossi va esonerato, e Corvino che ha sperperato la consistente somma di denaro messa a disposizione dal nostro presidentissimo Saputo non rischia nulla.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *