Le avversarie dell’Italia: Belgio pericolo pubblico n°1


Scheda del temibile Belgio giovane ed affamato di successo: i ragazzi di Wilmots sono tra i favoriti per la vittoria di Euro 2016

– di Marco Vigarani –

La gioia di Vertonghen, che rimette in piedi la partita (ph. zimbio)

Il Belgio torna agli Europei dopo ben sedici anni di assenza (ph. Zimbio)

L’impatto dell’Italia con l’avventura francese di Euro 2016 potrebbe essere potenzialmente devastante visto che il calendario opporrà gli uomini di Conte alla testa di serie del raggruppamento nonchè una delle favorite per il successo finale: il Belgio. I Diavoli Rossi sono una delle squadre più talentuose e promettenti del mondo, possono contare su individualità formidabili ed un buon collettivo per puntare direttamente ad un titolo mai conquistato nelle precedenti quattro partecipazioni alla fase finale dell’Europeo (1972, 1980, 1984 e 2000). A proposito di passato, ecco la storia del Belgio contro Italia (4 vittorie, 4 pareggi, 13 sconfitte), Svezia (7 vittorie, 2 pareggi, 5 sconfitte) ed Irlanda (5 vittorie, 5 pareggi, 4 sconfitte). La sua avventura inizierà, come detto, con lo scontro diretto contro l’Italia che definirà i giochi in testa al girone per poi vedere i Diavoli Rossi impegnati contro Irlanda e Svezia. I ragazzi del ct Marc Wilmots hanno ottenuto la qualificazione vincendo il Girone B delle qualificazioni con 23 punti frutto di 7 vittorie, 2 pareggi e 1 sconfitta realizzando 24 gol e subendone appena 5. I numeri non sono però sufficienti a spiegare la pericolosità di un Belgio che si avvale di una straordinaria batteria di centrocampisti offensivi, ali e mezzepunte in grado di impensierire praticamente qualsiasi difesa del mondo anche grazie all’istinto realizzativo dei bomber Lukaku e Benteke.

Nainggolan ed il suo Belgio hanno già sfidato l'Italia in amichevole (ph. Zimbio)

Nainggolan è uno dei veterani di un Belgio giovane e temibile (ph. Zimbio)

Nell’elenco dei 23 convocati definitivi del ct Wilmots troviamo tre atleti con esperienze nel campionato italiano come il portiere di riserva Gillet visto anche a Bologna, il centrocampista Nainggolan perno del gioco della Roma e l’esterno Mertens che completa (spesso da riserva) il pacchetto offensivo del Napoli. Nonostante un’età media piuttosto bassa di 26.4 anni, il Belgio può contare su giocatori già di grande esperienza internazionale che militano in top club continentali ed in particolare inglesi come Chelsea (Courtois e Hazard), Tottenham (Alderweireld, Vertonghen e Dembele), Manchester United (Fellaini), Liverpool (Mignolet, Benteke e Origi) e Manchester City (De Bruyne). In pratica un’intera formazione ha disputato da protagonista l’ultima edizione della Premier League, il campionato attualmente migliore al mondo, e tale dato può bastare per capire quanto il Belgio possa essere una compagine pronta ad arrivare fino in fondo alla competizione. Non vanno però nascoste anche alcune difficoltà legate ad assenze importanti di giocatori di grande esperienza come il capitano Kompany ed il centrocampista Defour che avrebbero potuto fornire una preziosa assistenza ad un team così giovane: toccherà probabilmente al romanista Nainggolan assumersi qualche responsabilità in più.

Probabile formazione Belgio (4-2-3-1): Curtois; Alderweireld, Denayer, Vermaelen, Vertonghen; Witsel, Nainggolan; Hazard, Fellaini, De Bruyne; Lukaku.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *