Le statistiche di Torino-Bologna


Possesso palla, occasioni, tiri: tutto dimostra che il Torino ha dominato la gara contro il Bologna. Tanta corsa ma inutile per Diawara mentre Vives recupera palloni ovunque

– di Marco Vigarani –

Vives contro Diawara, duello impari all'Olimpico di Torino (ph. Zimbio)

Vives ha recuperato ben 10 palloni (ph. Zimbio)

La sensazione di impotenza provata ieri da chiunque abbia visto la gara tra Torino e Bologna è assolutamente lampante e dimostrata chiaramente dal risultato finale che ha premiato i granata nonostante un gioco tutt’altro che brillante. I dati statistici confermano senza ombra di dubbio l’impressione che ieri la squadra di Donadoni abbia recitato poco più del ruolo della comparsa a partire da un possesso palla favorevole ai padroni di casa per il 59%, passando ai 10 tiri di cui 8 in porta e 2 in rete scagliati dai ragazzi di Ventura che hanno colpito anche un palo a differenza dei rossoblù capaci soltanto di scagliare per 3 volte il pallone lontano dalla porta di Padelli. Proprio l’estremo difensore del Torino è rimasto completamente inoperoso nel corso della gara a differenza di Mirante, chiamato in causa in cinque occasioni. Se il dato delle palle perse è in equilibrio quasi perfetto (38 a 37), quello delle recuperate vede i granata in vantaggio per uno schiacciante 35 a 15 ma spiccano anche i 10 cross tentati dai padroni di casa contro la totale assenza da parte di un Bologna che, pur cercando in teoria la ripartenza improvvisa, ha cercato il lancio lungo solo 16 volte. Sono stati invece una decina i metri di differenza tra il baricentro delle due contendenti con il Torino attestato sui 55,8 ed i felsinei fermi ai 45,5.

Sfida tra gli amici Acquah e Donsah (ph. Zimbio)

Sfida tra gli amici Acquah e Donsah (ph. Zimbio)

Volendo cercare un dato in cui il Bologna possa primeggiare, si può notare la distanza percorsa: i 119 km dei rossoblù superano nettamente i 102 del Toro. Peccato però che Amadou Diawara, il miglior performer in assoluto con i suoi 13 abbia spesso corso inutilmente al pari di diversi suoi compagni di squadra. Ribadita ulteriormente la totale ed ingiustificata assenza dei rossoblù alla voce tiri in porta, appaiono preoccupanti anche i dati dei cross con Bruno Peres a comandare a quota 4 ma soprattutto quella delle palle recuperate in cui il solo Vives ha raggiunto la doppia cifra proprio al cospetto del baby regista rossoblù distaccando anche qualsiasi compagno granata. Primato poco invidiabile invece quello di Donsah con le sue 7 palle perse, una sola in più rispetto all’amico Acquah che ha invece commesso più falli di chiunque altro a pari merito con il rossoblù Diawara (3 ciascuno). A proposito di provvedimenti disciplinari, va segnalata la presenza impalpabile del direttore di gara Ghersini che ha fischiato complessivamente soltanto 18 falli ed assegnato l’ammonizione solo a Maietta.

Print Friendly



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *