Lega Pro: Salernitana in B, in attesa di altri verdetti


La promozione in B della Salernitana è ufficiale, mentre le prossime a festeggiare potrebbero essere Teramo e Bassano. In zona retrocessione, la situazione è ancora tutta da decidere

– di Massimo Righi –

I giocatori della Salernitana in festa (metropolisweb.it)

I giocatori della Salernitana in festa (metropolisweb.it)

Con la vittoria ottenuta sul Barletta per 3-1, la Salernitana ha guadagnato matematicamente la promozione in serie B con due giornate di anticipo anche grazie al contemporaneo pareggio per 1-1 tra Benevento e Messina. La squadra granata, di proprietà del presidente della Lazio Lotito, ha raggiunto quota 79 punti nel girone C del campionato di Lega Pro, la ex serie C1. Dopo cinque stagioni, la Salernitana lascia così la Lega Pro e torna a sognare riconquistando un palcoscenico più consono alla sua tradizione. Dopo le vicissitudini economico-finanziarie del luglio 2011 che portarono la società all’esclusione dalle competizioni professionistiche, la squadra campana ritrova il sorriso e l’abbraccio dei suoi calorosissimi tifosi che hanno festeggiato la promozione invadendo lo stadio Arechi in quasi 20 mila.

Dopo 36 giornate disputate, a due giornate dalla fine del campionato di Lega Pro, l’unico verdetto in zona promozione è quello che riguarda la Salernitana, giunta prima nel girone C. Nel prossimo fine settimana però potrebbe essere il turno del Bassano, che potrebbe festeggiare la promozione in B se vincerà a Monza e il Novara (a cui sono stati ridati 5 punti) non dovesse stargli in scia coi 3 punti. A un passo dalla storica promozione in serie cadetta c’è anche il Teramo che guadagnerebbe la B in caso di vittoria, oppure se pareggia e l’Ascoli non vince nel derby con l’Ancona. Per quanto riguarda la questione retrocessioni, l’unica quasi certa del verdetto è la Reggina che si trova a 4 lunghezze dai playout nel girone C con soli 21 punti, ma gravata di una penalizzazione di 16 punti poi ridotti a 6 nel tardo pomeriggio di ieri . Per tutte le altre pericolanti invece, la lotta resta aperta. Ai playoff accederanno le squadre arrivate seconde e terze, più le due migliori quarte di ciascun girone. Ai playout andranno invece penultima, terz’ultima, quart’ultima e quint’ultima di ciascuno dei 3 gironi.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *