L’esempio di Ingesson, più forte del tumore


L’ex centrocampista rossoblù costretto su una sedia a rotelle da un tumore al sangue contro cui sta combattendo da 6 lunghissimi anni

Klas Ingesson, un lottatore in campo e fuori

Klas Ingesson, un lottatore in campo e fuori

C’era una volta il ‘gigante buono’, un omone di quasi 2 metri che in campo dettava la legge del più forte e dell’eleganza. Klas Ingesson aveva una bella castagna e non ci pensava due volte a tirare in porta dalla lunga distanza. Uomo d’ordine, un centrocampista d’altri tempi, un gentiluomo in mezzo al prato verde, lui freddo come tutti gli svedesi ma dal cuore buono. A Bologna e al Bologna ha dato tanto. Amato, anzi amatissimo dalla tifoseria, per Klas il rossoblù era più che una maglia. Era qualcosa che lo faceva sentire il Bologna. E’ sempre stato un combattente, non ha mai mollato. E non molla nemmeno oggi perché quel “gigante buono” sta provando a vincere un tumore al sangue contro cui sta combattendo da 6 lunghissimi anni e che lo ha costretto alla sedia a rotelle, dopo cicli di chemioterapia e autotrapianto. Il guerriero non ha mai alzato bandiera bianca, anzi non molla un centimetro. Come in campo anche nella sua battaglia. Ma lo sport dona nuovi stimoli e quando l’Elfsborg gli ha chiesto di allenare, Klas ha accettato senza indugio. Persa la prima partita, i suoi ragazzi vincono la seconda e lui esulta con loro sotto la curva, in carrozzina, accompagnato dal suo assistente Mian. Un miracolo sportivo, si direbbe in questi casi, ma Ingesson e’ questo e molto di più. E’ il ‘gigante buono’ pronto a affrontare il suo male fino al 90°. Un esempio. Sarebbe fin troppo facile fare paragoni con chi, invece, si prende 4 giornate inchiodato dalla prova tv per una manata al volto di un avversario e che in campo, invece, aveva simulato di averle prese. I campioni sono altri, la Klas è altra cosa. E Bologna adora ancora il suo ‘gigante buono’ con cui ha raggiunto la semifinale di Coppa Uefa. Altri tempi, altri uomini. Semplicemente Ingesson.

Piero Giannico

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *