L’estate dei ritorni: Cossu torna a Cagliari, Rooney all’Everton


Nei primi giorni di mercato si sono consumati già due ritorni romantici: Cossu chiuderà la sua carriera a Cagliari e Rooney torna all’Everton dopo 13 anni

– di Marco Vigarani –

A volte il calcio racconta anche storie romantiche di rapporti interrotti che si riallacciano anche a distanza di diversi anni. Nell’estate di calciomercato iniziata ufficialmente da pochi giorni c’è già stato spazio per due momenti amarcord diversi nell’eco mediatica e nel valore economico ma in fin dei conti assimilabili.

Rooney di nuovo all’Everton dopo 13 anni allo United (ph. Sky News)

Nelle pagine dei giornali sportivi degli ultimi giorni ha avuto grande spazio il ritorno di Wayne Rooney all’Everton dopo 13 anni di militanza nel Manchester United. L’attaccante inglese oggi 31enne ha firmato infatti un nuovo contratto biennale con il club nel quale ha militato sin dall’età di 9 anni raggiungendo l’esordio in Premier League andando di fatto a sostituire il bomber Lukaku che ha invece fatto il percorso opposto. La storia di Rooney in maglia blu inizia nel 1996 con sei stagioni nel settore giovanile per poi prendersi subito le luci della ribalta ad appena 16 anni con una stagione da 8 gol in 37 partite. Confermatosi nell’annata successiva tanto da guadagnare già la convocazione in Nazionale maggiore, il bomber britannico viene quindi chiamato dai Red Devils di Alex Ferguson che pagano 39 milioni di euro ai Toffees. I tifosi dell’Everton vissero allora quel trasferimento come un tradimento ma oggi accolgono a braccia aperte il ritorno del figliol prodigo che si appresta a dare il proprio contributo alla crescita di un club in rampa di lancio verso i piani alti della Premier. “Non sono tornato – ha spiegato infatti Rooney – perché l’Everton è la squadra per la quale faccio il tifo o perché qui sono cresciuto. Sono tornato perché sento che questo club può essere vincente e voglio farne parte“.

Dopo due anni all’Olbia, Andrea Cossu torna a Cagliari per chiudere la carriera (ph. Zimbio)

Anche il calcio di casa nostra può raccontare una storia forse ancor più romantica con il ritorno a Cagliari dell’icona Andrea Cossu. A 37 anni compiuti il fantasista riuscirà infatti a coronare il sogno di concludere la carriera in maglia rossoblù dopo averla già indossata per otto stagioni e mezzo tra 2005  e 2015 per un totale di 257 presenze sempre in Serie A. In seguito all’ultima retrocessione dei sardi però il trequartista si ritrovò svincolato e così decise di tornare all’Olbia, la sua prima squadra da professionista, accettando di scendere fino in Serie D e conquistando subito la promozione in Lega Pro. L’annuncio del ritorno era arrivato già a maggio per bocca del presidente cagliaritano Giulini proprio dopo un’amichevole contro l’Olbia: “Chiuderà la carriera con la maglia della sua vita, deciderà lui se sarà il prossimo anno o tra due. Lo vedremo tutti insieme, ma voglio mantenere la promessa che gli feci quando lasciò Cagliari“. E così Cossu è partito con i nuovi compagni per il ritiro di Pejo e si metterà a disposizione di mister Rastelli tanto per dare una mano in campo fornendo minuti di fosforo ed esperienza quanto nella gestione dello spogliatoio che può solo imparare dall’umiltà e dall’intelligenza di questo ragazzo.

Print Friendly



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *