Lettura tattica di Bari-Bologna


Il Bari ha bisogno di punti per rincorrere i playoff e cercherà di farli contro il Bologna che ambisce alla promozione diretta

– di Marco Vigarani –

Il tecnico del Bari Davide Nicola (ph. Bari FC)

Il tecnico del Bari Davide Nicola (ph. Bari FC)

Dopo il rischio fallimento ma anche la straordinaria cavalcata verso i playoff dell’anno scorso, il Bari quest’anno nutriva probabilmente aspettative maggiori di quanto i risultati non abbiano espresso. In queste ultime giornate gli uomini di Nicola si stanno giocando tutte le ultime carte per riuscire ad accedere alla post season per avere ancora una possibilità di accedere alla prossima Serie A pur non meritando del tutto, numeri alla mano, questa possibilità. La formazione pugliese infatti è assente dalle prime otto posizioni dalla nona giornata ma nelle ultime settimane sta ritrovando una certa continuità di risultato soprattutto in casa dove è imbattuta dallo scorso 14 febbraio e ha collezionato 8 vittori, 5 pareggi e 5 sconfitte. La struttura del Bari attualmente si fonda su alcuni uomini di provata esperienza a partire dalla coppia di centrali formata da Rinaudo e Contini per passare al mediano Donati, mentre invece la vera pecca sembra l’assenza di un attaccante continuo ed affidabile che valorizzi il 4-3-3 di Nicola. Il miglior marcatore è Caputo a quota 9 gol seguito ad una lunghezza da De Luca ma l’innesto di Ebagua nel corso del mercato invernale non ha portato i benefici sperati con il nigeriano che ha sommato quasi più squalifiche che marcature.

È Pasquale Schiatterella una delle armi tattiche del Bari (ph. Bari FC)

È Pasquale Schiatterella una delle armi tattiche del Bari (ph. Bari FC)

Il lavoro tattico svolto a Bari dall’ex tecnico del Livorno però è decisamente interessante perchè non solo egli sta cercando di ovviare alla sterilità del centravanti schierando un reparto offensivo di brevilinei (spesso sceglie tra De Luca, Galano, Bellomo e Boateng) ma ha reso la sua squadra capace di alternare con disinvoltura due moduli. Il 4-3-3 di base infatti si trasforma spesso in un 3-4-1-2 grazie alla capacità di Donati di scalare in difesa avanzando così i terzini offensivi (in particolare Schiattarella, centrocampista per buona parte della sua carriera). Entrambe le contendenti dovrebbero scontare un’assenza pesante in difesa con Gastaldello e Rinaudo infortunato mentre al Bologna mancheranno anche Matuzalem e Laribi, squalificati. Con Krsticic in cabina di regia i rossoblù guadagnano qualità e rapidità d’esecuzione ma potrebbero giovare dell’impiego del 3-5-2 sia in fase di possesso per aggredire il Bari sugli esterni sia in copertura per avere tre uomini a difesa della propria area dalle incursioni delle punte biancorosse.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *