L’ex presidente rossoblù Zanetti entra in Fondazione Virtus


Colpo a sorpresa della Fondazione Virtus che annuncia l’ingresso tra i soci della Segafredo di Massimo Zanetti, ex presidente del Bologna. Soddisfazione per Pietro Basciano ed orgoglio da parte dell’imprenditore trevigiano

– di Marco Vigarani –

Massimo Zanetti ha dato mandato a Baraldi di controllare i conti del Parma

Massimo Zanetti entra in Fondazione Virtus

Nel corso dell’ultima conferenza stampa in compagnia del presidente dimissionario Villalta, il nuovo numero uno della Fondazione Virtus Pietro Basciano aveva anticipato di essere al lavoro per novità importanti: i fatti di oggi gli danno assolutamente ragione. Il club bianconero ha infatti reso noto l’ingresso nel gruppo di sostenitori e finanziatori della storica squadra di basket della Segafredo Zanetti di Massimo Zanetti, ex presidente del Bologna. Lo stesso Basciano ha così commentato la grande novità: “Lavoriamo da sempre per la crescita della Fondazione perchè siamo convinti che sia la base per avere una società ed una squadra solide. Nel giorno del mio insediamento avevo ricordato il nostro ruolo e annunciato che a breve avremmo avuto belle notizie per tutti gli appassionati bianconeri. La prima riguarda una new entry che ci riempie di orgoglio e gioia perchè conferma l’interesse di grandi realtà imprenditoriali nei confronti del mondo della pallacanestro ed in particolare della Virtus. Diamo il benvenuto ad un’azienda leader nel suo settore, a livello nazionale ed internazionale. Il nostro progetto oggi si rafforza, e ci proietta nel futuro“.

Massimo Zanetti nella sua carriera di imprenditore è già stato vicino al mondo dello sport a partire dagli Anni 89 quando sponsorizzò il Bologna Calcio e la Pallacanestro Gorizia per poi spostare il suo interesse sul Treviso Calcio nel corso del decennio successivo. Nel 2010 è poi diventato presidente del club rossoblù nel momento del salvataggio in extremis orchestrato da Giovanni Consorte salvo poi lasciare la carica dopo un mese restando socio di minoranza per poi uscire di scena dopo l’arrivo di Joe Tacopina. Il magnate del caffè ha dichiarato: “La decisione di aderire alla Fondazione Virtus rientra nel tradizionale impegno che la nostra società riserva da anni alla città. Investire su sport e cultura è per noi motivo di vanto ed un modo per ringraziare il territorio che amiamo e che ci ospita affettuosamente. Abbiamo scelto una delle storiche eccellenze cestistiche di Bologna, la Virtus Pallacanestro, per ribadire la nostra attenzione a quel patrimonio che caratterizza la città e sa cementare entusiasmi e senso di appartenenza“.

 

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *