Liajic conquista Roma, Di Natale nella storia. Delude Icardi


Top e Flop della 12^ giornata di Serie A

– di Francesco Ferrari –

TOP

FBL-ITA-SERIEA-AS-ROMA-LAZIO

Adem Liajic, autore di una rete e di una ottima prestazione contro l’Atalanta

Liajic (Roma): il serbo non era partito benissimo in questa stagione ma Garcia ha continuato a dargli fiducia in campionato e nelle ultime gare è stato abbondantemente ripagato. Trova l’importantissimo gol del pareggio con un sinistro dei suoi che risulta imparabile per Sportiello. Lanciando così la Roma verso la rimonta contro l’Atalanta su un campo tutt’altro che facile da espugnare;

Pogba (Juventus): due gol che stendono una Lazio apparsa davvero piccola contro lo strapotere juventino. Perfetta intesa con Tevez sul gol del vantaggio, si ripete a metà ripresa fissando il risultato sul definitivo 3-0 lanciato a rete da Pereyra. Ormai ogni aggettivo per descrivere il francese pare inopportuno, è più che fondamentale nella manovra della squadra dalla trequarti difensiva a quella offensiva;

Di Natale (Udinese): 200 gol in 400 partite, cosa altro aggiungere? Giocatore che molti colleghi dovrebbero prendere come esempio, dato che ha trovato nell’Udinese la sua realtà calcistica e non se ne è mai, saggiamente, allontanato, al contrario di tanti colleghi ingolositi da contratti o palcoscenici più importanti. Risulta sempre fondamentale nonostante le 37 primavere;

Dybala (Palermo): momento di forma strepitoso per il giovanissimo attaccante del Palermo. Dopo 8′ salta di netto Burdisso in area e inventa un sinistro che si infila sotto l’incrocio della porta difesa dall’incolpevole Perin. Con la palla tra i piedi è sempre pericoloso, sfiora anche la doppietta in un paio di occasioni. Uomo mercato di gennaio?
FLOP

Mauro Icardi è apparso decisamente sotto tono nel derby di Milano

Mauro Icardi è apparso decisamente sotto tono nel derby di Milano

Icardi (Inter): si mangia un gol clamoroso dopo un regalo di Muntari sulla trequarti che gli spalanca la strada verso l’area rossonera, praticamente indisturbato calcia debolmente facilitando l’intervento di Diego Lopez. Non entra mai nel vivo della gara e si fa notare solo per un paio di conclusioni sbilenche. Da lui ci si aspettava decisamente di più in una partita come il derby;

Cole (Roma): giocatore a fine carriera e forse ormai sazio di successi, non spinge mai sull’acceleratore lasciando la fascia sinistra senza un punto di riferimento, oltre a mancare il supporto offensivo lascia anche molto a desiderare la sua prova difensiva dato che Raimondi sulla corsia sinistra è stato una spina nel fianco per tutta la partita. Acquisto che si è rivelato un vero flop;

Sanchez Mino (Torino): terzo rigore sbagliato dal Torino col terzo rigorista diverso, a questo punto forse è più che altro un problema di testa. La squadra di Ventura non riesce a sbloccare la gara e negli ultimi minuti subisce anche il gol della sconfitta, lasciando così l’allenatore appeso a un filo sempre più sottile;

Boakye (Atalanta): messo in campo negli ultimi minuti riesce a farsi espellere insultando l’arbitro dopo aver commesso un fallo inutile a centrocampo. Lascia la squadra in 10 e quindi impossibilitata a rimontare.

 

 

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *