L’Inghilterra caccia Allardyce, Mancini in pole per la successione


Dopo lo scandalo che lo ha travolto, la Federcalcio inglese ha esonerato Sam Allardyce dal ruolo di ct. Per la successione in corsa anche Roberto Mancini

– di Marco Vigarani –

allardyce

Avventura già conclusa per Sam Allardyce sulla panchina dell’Inghilterra (ph. Zimbio)

Quella di ieri è stata una giornata nera per il calcio britannico ma non si può certamente dire che alla Federcalcio d’Oltremanica manchi la prontezza nell’agire. Sam Allardyce è infatti stato prontamente sollevato dall’incarico di commissario tecnico della Nazionale inglese ed allontanato appena 67 giorni dopo la sua assunzione. Facciamo però un doveroso passo indietro per capire come si è giunti ad una decisione così netta ed irrevocabile. Alcuni giornalisti del Daily Telegraph nelle scorse settimane si erano finti uomini d’affare orientali interessati ad investire in modo illecito denaro nel calcio europeo in particolare aggirando le norme inglesi che vietano assolutamente la presenza di intermediari terzi all’interno di qualsiasi trattativa. In una serie di video diffusi dal quotidiano e da alcune ore a disposizione sul web, l’ormai ex ct dell’Inghilterra non solo dispensa consigli utili ad aggirare tali norme recandosi in Asia per quattro volte sfruttando il proprio ruolo ufficiale ma offre anche la netta impressione di essere pronto ad agevolare l’operazione previa un pagamento. Non viene di fatto violata espressamente alcuna norma ma la FA non accetta tali atteggiamenti e poche ore dopo ecco la nota: “La condotta di Allardyce, come riportato oggi, si è dimostrata inadeguata per un tecnico dell’Inghilterra. A causa della gravità delle sue azioni, la Fa e Allardyce hanno concordato di risolvere il contratto con effetto immediato“. Dopo una carriera di medio livello sia come giocatore che come tecnico, Allardyce aveva avuto la grande occasione un paio di mesi fa venendo selezionato come successore di Hodgson ottenendo poi la prima (ed unica) vittoria contro la Slovacchia. Ecco allora che l’esonero gli consegna probabilmente il record storico di ct cacciato da imbattuto ma soprattutto apre una corsa alla panchina dell’Inghilterra che si preannuncia interessantissima. Teoricamente la Federcalcio britannica pare avere intenzione di prendersi tutto il tempo necessario ad individuare il profilo giusto ma tra i principali papabili per il ruolo va sicuramente iscritto l’ex tecnico interista Roberto Mancini a maggior ragione qualora si decidesse di puntare su un professionista non inglese.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *