L’Inter vince il Viareggio ma la sorpresa è il Verona


Nella finale di ieri l’Inter si è aggiudicata la Viareggio Cup sconfiggendo un sorprendente Verona. Milan deludente e polemiche sui campi

– di Marco Vigarani –

Le condizioni dei campi al Torneo di Viareggio

Le condizioni dei campi al Torneo di Viareggio

Si è conclusa ieri pomeriggio con la finale tra Inter e Verona la 67esima edizione della Viareggio Cup, uno dei più prestigiosi tornei mondiali di calcio giovanile per club che ogni anno attrae numerosi direttori sportivi e procuratori a caccia di giovani talenti. Esaurite le polemiche della vigilia per l’assenza di club importanti come Juventus e Lazio, sono finite nell’occhio del ciclone le condizioni effettivamente spesso deprecabili dei campi messi a disposizione per le partite. In particolare è stato il Milan, squadra campione uscente ed eliminata con disonore già ai gironi, a protestare per bocca del suo responsabile Filippo Galli che ha detto: “Non si può pensare di fare calcio su questi terreni: è indegno“. Tra le protagoniste deluse va annoverata anche la Roma che è uscita in semifinale, maltrattata dall’Inter con un 4-0 senza storia mentre nella parte opposta del tabellone la seconda finalista è emersa dallo scontro tra Fiorentina e Verona, le due belle sorprese del Viareggio 2015. Da citare però anche la bella prova del Palermo che ha lasciato il torneo già agli ottavi ma ha comunque messo la sua stellina Accursio Bentivegna in cima alla classifica cannonieri con cinque marcature alla pari con l’interista Bonazzoli.

L'Inter celebra la vittoria sul Verona in finale (ph. Pegaso News)

L’Inter celebra la vittoria sul Verona in finale (ph. Pegaso News)

Proprio l’attaccante classe 1997, già acquistato dalla Sampdoria per 4.5 milioni di euro, è stato protagonista anche nella finalissima sbloccando già al primo minuto la gara contro il miracoloso Verona guidato fino all’atto conclusivo del Torneo di Viareggio dal suo portiere Gollini, premiato come migliore della competizione e capace di neutralizzare tre penalty al Napoli ai quarti. L’estremo difensore gialloblù ha retto praticamente fino all’ultimo minuto conservando il prezioso gol del pareggio segnato dal compagno Cappelluzzo ma ha dovuto cedere a pochi istanti dal triplice fischio dell’arbitro Mazzoleni, trafitto dal tiro del terzino nerazzurro Gyamfi. Per i nerazzurri guidati da Stefano Vecchi (lo scorso anno allenatore del Carpi) è il settimo trionfo alla Viareggio Cup ma c’è anche la soddisfazione di vedere premiato il fenomenale Bonazzoli come “Golden Boy” ovvero miglior calciatore della manifestazione. Si è invece conclusa subito la strada del Bologna, sconfitto nelle prime due gare da Pescara e Roma per poi farsi agguantare sull’1-1 nel finale della sfida conclusiva contro il Belgrano, caratterizzata anche da cinque espulsioni complessive.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *