L’Italia batte anche la Croazia e si prende la semifinale


Di nuovo un grande terzo periodo contente all’Italia di battere la Croazia qualificandosi per la semifinale del Preolimpico. Belinelli protagonista

– di Marco Vigarani –

Grande prova di Belinelli in Italia-Croazia (ph. FIP)

Grande prova di Belinelli in Italia-Croazia (ph. FIP)

Se contro la Tunisia era bastato uno sforzo limitato per ottenere la vittoria, l’Italia che ieri sera ha battuto la Croazia ha dato risposte ben più importanti ai suoi tifosi. Il successo che lancia gli Azzurri in semifinale è un capolavoro in stile Messina costruito su una difesa asfissiante figlia di un gruppo mai visto così unito e collaborativo nell’era Pianigiani. Non importa la squadra di provenienza: che sia la NBA o la provincia italiana la canotta azzurra ha dato a tutti una nuova identità e stimoli fortissimi. I meriti del coach sono già innegabili e portano davvero a sperare in una conferma a prescindere dal raggiungimento dell’obiettivo che comunque è leggermente più vicino visto che il primo step è stato ufficialmente superato. L’Italia si è infatti qualificata per la semifinale del Preolimpico di Torino battendo 67-60 l’insidiosa al termine di una bella battaglia ancora decisa soprattutto nel terzo quarto nonostante percentuali di tiro insufficienti. Bogdanovic fa pentole e coperchi coadiuvato da Saric ma per gli Azzurri si vede in campo un Belinelli che va ben oltre le difficoltà dettate dalla maschera protettiva trovando in Bargnani un’ottima spalla sotto canestro e in Hackett la guida giusta per non perdere mai contatto durante i tentativi di allungo croato. Si arriva così all’intervallo lungo sul 35-35 e subito dopo si assiste al caso insolito di un canestro annullato a Melli mentre la difesa dell’Italia inizia a serrare le maglie con l’apporto fondamentale di Gentile che rifila anche una stoppata all’indemoniato Bogdanovic in grado di scaldare del tutto il caloroso pubblico torinese insieme alle bombe di Belinelli e Hackett. Il finale punto a punto premia la costanza dei ragazzi di Messina che restano concentrati fino alla fine ed aggrappati ancora alla vena realizzativa del nuovo acquisto degli Hornets trovando però anche le zampate decisive nel finale da un Gallinari apparso in ombra per quasi tutto l’incontro. Oggi scopriremo l’avversario di venerdì sera tra Grecia e Messico ma già adesso sappiamo che l’Italia c’è ed è pronta a lottare fino all’ultimo pallone.

ITALIA-CROAZIA 67-60
21-23; 12-12; 21-13; 13-13
Italia: Poeta NE, Belinelli 19, Aradori, Gentile 3, Bargnani 8, Gallinari 12, Melli 7, Cusin, Datome 6, Hackett 7, Tonut. All: Messina.
Croazia: Babic 3, Kruslin, Stipcevic NE, Simon 5, Hezonja 7, Saric 11, Ukic 2, Planinic 6, Bilan, Sakic, Arapovic NE, Bogdanovic 26.  All: Petrovic.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *