L’Italia chiude quinta e accede al Preolimpico


Vincendo 85-70 contro la Repubblica Ceca, l’Italia conclude al quinto posto l’Europeo e quindi conquista il diritto di partecipare ad un torneo Preolimpico nel luglio del 2016

– di Marco Vigarani –

L'Italia ha centrato il quinto posto valido per la qualificazione al torneo Preolimpico (ph. Getty Images)

L’Italia ha centrato il quinto posto valido per la qualificazione al torneo Preolimpico (ph. Getty Images)

Nonostante la sanguinosa sconfitta contro la Lituania che ha animato le discussioni di tanti tifosi, l’Italia si è comunque assicurata il quinto posto all’Europeo e con esso l’obiettivo minimo della partecipazione ad uno dei tre torneri Preolimpici che si svolgeranno nel luglio del 2016 per assegnare gli ultimi posti disponibili in vista dei Giochi di Rio. La Repubblica Ceca si è confermata come da pronostico un avversario piuttosto malleabile che ha retto per un quarto prima di iniziare ad assistere impotente all’allungo dell’Italia guidata dal trio Bargnani-Gallinari-Belinelli arrivando all’intervallo lungo sul 42-37. Lo strappo definitivo, anche grazie all’aiuto di Gentile che doveva farsi perdonare l’errore della gara contro la Lituania, è avvenuto però nel terzo quarto con gli Azzurri abili a volare a +20 nonostante la strenua resistenza del ceco Vesely che ha chiuso come miglior realizzatore dell’incontro. L’ultimo tentativo blando di rimonta è stato spento nell’ultimo periodo da una buona reazione degli italiani che hanno chiuso la pratica spingendo nuovamente sull’acceleratore fino al successo finale. Il fallimento della spedizione azzurra resta doloroso da digerire soprattutto per l’enorme bagaglio di talento disperso ed in fin dei conti anche il raggiungimento del torneo preliminare rischia di essere una magra consolazione visto che le normative NBA potrebbero impedire di schierare gli Azzurri della lega statunitense prima del mese di agosto 2016. La Nazionale che affronterà tale impegno però potrebbe essere piuttosto diversa da quella vista nelle ultime settimane ed in particolare potrebbe non essere più affidata alla guida di Pianigiani, tecnico che ha confermato i suoi limiti non riuscendo a sfruttare l’enorme potenziale offensivo e fallendo nell’orchestrare una minima idea di gioco collettivo.

ITALIA-REPUBBLICA CECA 85-70 (21-21, 21-16, 32-17, 11-16)
ITALIA: Della Valle, Belinelli 12, Aradori 7, Gentile 15, Gallinari 15, Bargnani 21, Cusin 4, Melli 4, Cinciarini 5, Hackett 2, Polonara. All. Pianigiani
REPUBBLICA CECA: Benda 2, Auda, Pumprla 3, Hruban 5, Satoransky 12, Welsch 4, Houska 5, Barton 2, Jelinek, Sirina 3, Schilb 8, Vesely 26. All. Ginzburg.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *