Livorno-Bologna 3-2, le pagelle


La sconfitta dell’Ardenza lascia parecchio amaro in bocca, ma nel disastroso finale di gara i voti hanno subito un crollo collettivo. Zuculini il migliore

– di Massimo Righi –

L'allenatore del Livrono, Carmine Gautieri

L’allenatore del Livrono, Carmine Gautieri

Stojanovic 5 – Sul terzo gol labronico esce in maniera avventata permettendo a Biagianti di tirare, prima di questo episodio, incolpevole sui gol.

Garics 5 – Fa rimpiangere Ceccarelli quasi da subito. Non riesce a imporsi sulla fascia di competenza e appare sempre insicuro nel gestire la palla.

Oikonomou 6 – Le palle alte sono tutte sue ed oggi rimane l’unico a reggere la baracca difensiva. Certezza del reparto arretrato.

Ferrari 5 – Ingenuo in occasione del rigore, con Galabinov che aveva trovato anche il gol in acrobazia. L’episodio lo condiziona e nel finale traballa vistosamente

Morleo 5,5 – Al solito generoso in termini di fiato ed impegno, ma non basta. Difensivamente non copre a dovere e in occasione dell’ultimo gol non è dove dovrebbe essere.

Matuzalem 5,5 – In difficoltà più del solito, tocca meno palloni. Cerca di dare sicurezza quando ha la palla ma non sempre gli riesce.

Zuculini 6,5 – Scocca il tiro da cui nasce l’autogol e poi segna il 2-1, in pratica è quasi una doppietta. Per il resto, picchia, rincorre e ci mette tanta intensità (dal 81’Ceccarelli s.v.).

Buchel 6 – Nel primo tempo domina la scena, poi cala nella ripresa e prende anche un giallo evitabile. I suoi lanci sono preziosi tanto quanto la sua lucidità, che nel finale vengono un po’ meno.

Laribi 6 – Avrebbe la palla del KO a 10’ dalla fine ma arriva stanco alla conclusione. Peccato, altrimenti parlavamo di un’altra partita. Partita di sacrificio con tanti palloni gestiti con criterio.

Acquafresca 5,5 – Lavora qualche pallone e sportella con qualche avversario, finché non lo azzoppano. Speriamo non sia niente (44’Pasi 4,5 – Impalpabile ed evanescente, non si vede mai)

Cacia 5 – Piuttosto in ombra, lo si vede di rado se non per qualche sponda e un bel cross per Acquafresca. Una cosa: deve fare gol, è il suo compito (76’Abero 5 – Altro cambio senza conseguenze se non per un giallo per un battibecco con Siligardi).

Lopez 4,5 – Alcuni cambi inspiegabili, decisamente votati alla copertura, portano il Bologna sulla strada sbagliata; certe decisioni prese in corso d’opera lasciano a desiderare e portano di conseguenza alla disfatta vista oggi

Livorno 6,5 – Il mezzo voto in più è per la bravura nel crederci fino alla fine. Gautieri azzecca tutti i cambi, a differenza del collega, sbilanciandosi senza paura. Come squadra deve crescere perché sono evidenti alcune lacune in transizione e alcuni blackout di certi interpreti, vedi in occasione dell’autorete che entra di diritto nella storia delle più divertenti di sempre. Il Bologna degli ultimi 10’ ha dato una grossa mano al finale vincente e il Livorno è stato bravo a sfruttare l’occasione.

Print Friendly



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *