Lopez non si rilassa: “Facciamo l’abitudine a vincere”


Dopo la prima attesissima vittoria in casa, esprimono tutta la loro soddisfazione il tecnico Diego Lopez e i centrocampisti Karim Laribi e Franco Zuculini

-di Marco Vigarani-

Diego Lopez nel dopopartita

Diego Lopez ha vinto la prima gara al Dall’Ara

L’ultima volta che il Bologna aveva vinto davanti al proprio pubblico, lui era uscito dal campo sconfitto alla guida del Cagliari, ma oggi Diego Lopez si gode tanto il risultato quanto la prestazione dei suoi rossoblù e dice: “Siamo davvero contenti e soddisfatti di quello che abbiamo fatto: siamo stati pericolosi, non abbiamo subito gol e abbiamo vinto. Soprattutto però voglio sottolineare l’atteggiamento dei ragazzi che finalmente hanno mostrato anche in casa quello che avevano già dimostrato in trasferta. Questo discorso vale per tutti: sia chi ha giocato novanta minuti, sia per chi è stato sostituito o è entrato. Siamo un gruppo che lavora sodo e ora si vedono i risultati quindi ci siamo meritati gli applausi del nostro pubblico ma ora dobbiamo fare l’abitudine a vincere. Il successo al Dall’Ara fa bene soprattutto ai ragazzi e alla loro autostima che aiuta a continuare a lavorare al meglio per reagire anche ai momenti di difficoltà che abbiamo già incontrato“. Non c’è però da abbassare la guardia dopo una vittoria tanto che l’allenatore specifica: “Siamo tutti nuovi e ci stiamo conoscendo meglio giorno per giorno quindi c’è ancora tanto da migliorare. Ad esempio dobbiamo imparare a chiudere le partite quando costruiamo così tante occasioni: oggi sarebbe stato un peccato ritrovarsi a commentare un pareggio e quindi volevo che i ragazzi segnassero un altro gol per stare tranquilli. Non critico però Cacia e Acquafresca che sono stati davvero bravi soprattutto nel secondo tempo a tenere palla per far salire la squadra dimostrando di poter essere utili anche senza fare gol“. Non può infine mancare una parola per quello che sta accadendo a livello societario: “Guaraldi e Fusco sono sempre stati i miei referenti – dichiara Lopez – e ci sono stati sempre vicini ma è chiaro che i miei ragazzi sentono le notizie e oggi posso dire che quello che è successo ci ha dato maggiore serenità anche nello spogliatoio“.

Karim Laribi in conferenza stampa

Karim Laribi oggi è stato il match winner

Karim Laribi ha deciso la gara con il suo gol nel primo minuto di gioco ma fa comunque autocritica: “Credo di aver giocato meglio a Pescara perchè nonostante il gol oggi ho fatto troppi errori. Comunque abbiamo fatto un ottimo lavoro in ogni reparto dando continuità a quello che avevamo già fatto vedere a Terni. Rispetto a martedì però abbiamo costruito molte più occasioni da gol. Ora è arrivata anche la vittoria in casa ma non ci dobbiamo fermare anzi ogni successo ci deve spingere a lavorare ancora meglio e ad essere ancora più compatti per raggiungerne altri in futuro. Il campionato infatti è lungo e non sarà mai facile fino alla fine. Personalmente ora gioco dietro le punte e mi trovo bene ma farò sempre quello che servirà alla squadra: anche stare in panchina“.

Anche Franco Zuculini non nasconde la gioia per una vittoria a cui ha dato un contributo uscendo dalla panchina: “Sono entrato bene in partita facendo esattamente quello per cui lavoro tutta la settimana. Il ginocchio poi ha reagito bene e mi ha permesso di fare esattamente quello che volevo in un momento in cui la squadra aveva bisogno di me. Rispetto alle altre volte era una fase meno difficile perchè eravamo in vantaggio ma comunque dovevamo portare a termine la vittoria davanti al nostro pubblico che oggi è stato davvero il nostro dodicesimo uomo. Era caldo, c’era da lottare su ogni pallone e loro non hanno mai smesso di farci sentire la loro presenza. Ora riprendiamo a lavorare e alla prossima partita. Per quanto mi riguarda ammetto che devo lavorare per migliorare dal punto di vista dell’agonismo limitando entrate troppo decise ma sto conoscendo la Serie B partita dopo partita e per quello che vedo è difficile anche più del campionato argentino perchè qui tutte le squadre sono forti e affamate“.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *