Lopez: “Ora creiamo meno quindi dobbiamo essere più precisi”


Alla vigilia della trasferta di Trapani si presenta in conferenza stampa il tecnico rossoblù Diego Lopez che chiede una crescita nel gioco sotto porta al suo Bologna

– di Marco Vigarani –

Diego Lopez in conferenza stampa

Diego Lopez in conferenza stampa

Finalmente il suo Bologna è pronto a tornare in trasferta per tentare di proseguire una striscia vincente arrivata finora a cinque successi consecutivi. A poco più di ventiquattro ore dalla gara di Trapani, torna a parlare in conferenza stampa Diego Lopez, allenatore del Bologna che inquadra la situazione: “In settimana abbiamo lavorato bene, sono soddisfatto di quello che ho visto e penso che siamo pronti ad andare a fare la nostra partita. Sapete come la penso sulle assenze e preferisco concentrarmi sui ragazzi che ho a disposizione e con i quali nei giorni scorsi ho provato qualcosa di diverso anche a livello tattico. Questo è il motivo per cui mercoledì ho chiesto di fare allenamento a porte chiuse ma non aspettatevi niente di strano. Ne ho approfittato anche per lavorare sulle palle inattive“.  Domani tornerà in campo Oikonomou, già a segno tre volte proprio sfruttando i calci piazzati: “Marios sta bene e giocherà – conferma il tecnico – ma anche quando era in panchina si è sempre allenato con intensità. Poi è vero che può darci qualcosa di più in attacco perchè anche in allenamento vedo che è in grado di essere pericoloso nell’area avversaria“. Lopez parla quindi del Trapani e spiega: “Sono una buona squadra che ha cambiato da poco allenatore ed ora usa il nostro stesso modulo. Hanno qualità nel reparto avanzato ma noi dobbiamo soprattutto pareggiarli sul piano della quantità e dell’intensità“.

Marios Oikonomou, autore del pareggio rossoblù

Marios Oikonomou tornerà in campo domani a Trapani

Il pensiero torna però anche al pareggio interno contro il Modena e l’allenatore rossoblù conferma il pensiero espresso nell’immediato dopo partita: “La prestazione mi è piaciuta perchè abbiamo avuto quasi sempre noi il pallone tra i piedi costruendo anche delle buone occasioni che non siamo stati in grado di sfruttare. Dispiace in prima battuta proprio a noi non essere riusciti a vincere in casa anche perchè sappiamo che al Dall’Ara in alcune occasioni avremmo potuto fare di più“. Lopez analizza poi con sguardo critico i punti deboli evidenziati dal suo Bologna: “Credo che fino a qualche tempo fa creassimo molto più gioco ma ora siamo meno lucidi e precisi nell’area avversaria. Ho chiesto ai ragazzi di migliorare la qualità delle nostre giocate negli ultimi 15 metri anche se l’assenza di un secondo centravanti ci priva di qualche variante tattica. Quello che però mi piace è che siamo una squadra viva e che non cede mai alla tentazione di affidarsi ai singoli ma che continua sempre a ragionare come un collettivo“. Lo sguardo infine va verso il futuro prossimo: “Prossimamente affronteremo degli scontri diretti – dice Lopez – ma personalmente credo che il modo migliore di affrontare il campionato sia guardare una partita alla volta concentrandosi sempre solo su quella immediatamente successiva. Ovviamente non saranno partite come le altre ma prima o poi bisogna incontrare tutti“.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *