Lopez: “Ora serve continuità, dobbiamo vincere al Dall’Ara”


Diego Lopez ha parlato alla vigilia del match di domani pomeriggio contro il Cittadella. La missione è dare continuità alla vittoria di Terni e fare bene anche in casa

– di Massimo Righi –

Diego Lopez in conferenza stampa

Diego Lopez in conferenza stampa

Tra le rocambolesche vicende societarie degli ultimi giorni, c’è anche quella parte del Bologna che va in campo, che dovrebbe essere la principale, ma che spesso non ha potuto recitare il suo ruolo per cause di forza maggiore. Diego Lopez ha introdotto così la gara di domani con il Cittadella: “Sarà importante la sfida di domani perché incontriamo una squadra che sta bene e che ha giocatori di categoria come Sgrigna e un allenatore (Foscarini n.d.r.) che lavora con la squadra da anni e conosce bene la situazione. Noi dovremo valorizzare la vittoria di martedì con una buona prestazione, a cui deve far seguito il risultato”. Ma come si affronta il Cittadella? “E’ da vedere, due o tre punte, si può fare tutto, dipende. Io ho già in mente quel che dobbiamo fare. Dovremo dosare le forze, non so se proporrò gli stessi undici giocando tre partite in pochi giorni”. Tiene banco la difficoltà trovata a far punti in casa, mentre in trasferta è andata meglio, anche per via di episodi talvolta positivi, talvolta negativi: “Io non ho mai parlato di fortuna o sfortuna, perché dipende da noi. In casa siamo andati male ma niente è perduto, abbiamo il dovere di migliorare in casa attraverso il gioco, facendo girare questi episodi negativi a nostro favore. Dobbiamo anche migliorare l’approccio dopo aver subito gol, così come altri aspetti: si lavora per migliorare”. Parlando della difesa, Lopez non boccia Paez “crediamo in lui” e coccola Oikonomou “sono contento per lui, è stato bravo non solo per il gol, ma perché è entrato con la testa giusta e ha sfruttato la sua occasione”, ma non dimentica anche i più giovani “Ferrari e Masina non si sono ancora visti ma stanno lavorando – e ancora –  Nel lavoro settimanale cambio i ragazzi, li faccio giocare in modo che tutti conoscano tutti”. Gli ultimi sviluppi sulle vicende societarie hanno portato tranquillità anche a Lopez che afferma: “Sento più serenità, quando hai tutto più chiaro è meglio. La società ha dato certezze e anche i ragazzi che lavorano tutti i giorni sono contenti di questo”. Sulle condizioni di Acquafresca: “Sta bene, si è allenato. Non ha giocato a Terni ma è a posto” e Perez? “Ho parlato con lui, secondo me dalla settimana prossima bisogna accelerare per vedere qualche risposta sulle sue condizioni”. Matuzalem è in crescita: “E’ un giocatore importante, è venuto fuori nel secondo tempo di Terni quando la squadra aveva bisogno di un uomo che dettasse i tempi. Meglio averlo con noi che contro”. Il mister scaccia ancora una volta lo spettro della stagione scorsa, visto che la rosa è praticamente tutta rinnovata: “Come già ho detto, non possiamo rispondere di quel che è accaduto l’anno scorso, ma solo di quello che facciamo quest’anno. Quando sono arrivato sapevo di trovare una situazione difficile, che richiede tempo, anche se nel calcio il tempo non c’è. Noi possiamo solo migliorare il prima possibile perché questa squadra ha i valori per farlo attraverso le prestazioni”. Tornando al campo, bisogna riprendere a vincere in casa: “Non abbiamo fatto bene finora ma non dobbiamo disperarci, se giocheremo bene il risultato verrà. Il pubblico penso che apprezzerà se giochi al cento per cento e dai tutto, poi a volte i risultati sono positivi, altre volte negativi, ma capita ovunque”. Giocare in casa, al Dall’Ara, dovrebbe essere un aiuto importante per la squadra: “Fa piacere giocare con la curva piena perché secondo me è uno stimolo in più. Poi speriamo di portare più gente allo stadio negli altri settori, ma dobbiamo essere bravi noi a convincerli, facendo bene anche in casa, come abbiamo fatto in trasferta”. Infine, col reintegro di Perez, mister Lopez precisa che non ha in mente particolari cambiamenti di modulo: “Difesa a tre? No, non è un’idea che considero”. L’appuntamento per sfatare il cosiddetto tabù Dall’Ara è per domani alle ore 15.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *