Lopez: “Ora voglio continuità, una vittoria non basta”


Il tecnico rossoblù Diego Lopez presenta la sfida di domani pomeriggio tra Bologna e Crotone senza preoccuparsi troppo della lunga settimana che attende i rossoblù

di Marco Vigarani

Diego Lopez, in conferenza stampa a Casteldebole

Diego Lopez, in conferenza stampa a Casteldebole

Dopo una vittoria rigenerante in trasferta ma ancora a caccia di un successo tra le mura amiche, Diego Lopez si presenta in conferenza stampa alla vigilia di Bologna-Crotone e non nasconde l’obiettivo: “Ora dobbiamo trovare continuità nei risultati dopo aver lavorato bene durante la settimana. Non basta vincere una partita e fermarsi: ci alleniamo tutti i giorni per fare bene a Pescara, in casa o su qualsiasi campo“. Proprio ripartendo dalla vittoria in terra abruzzese il tecnico elogia i suoi ragazzi e li sprona dicendo: “Vorrei rivedere l’atteggiamento di Pescara che è stato fondamentale anche nei momenti di difficoltà quando ci siamo trovati con un uomo in meno. Siamo stati bravi perchè la partita si era messa molto male e altre squadre avrebbero subito il pareggio se non addirittura una sconfitta invece abbiamo gestito bene il vantaggio, abbiamo lottato tutti insieme e abbiamo portato a casa il risultato. Questo è un punto di forza di cui dobbiamo fare tesoro e che dobbiamo portare con noi per il resto del campionato. A dire il vero non posso neanche rimproverare ai ragazzi l’atteggiamento del secondo tempo perchè siamo partiti bene poi abbiamo preso gol ed espulsione e da quel momento è stato tutto più difficile“. Si passa poi a parlare dei singoli ed in particolare di Stojanovic che domani giocherà per l’assenza di Coppola: “Stojanovic intanto giocherà domani – commenta Lopez – poi si vedrà: se ha vissuto male l’esclusione finora penso che anche altri possano dire la stessa cosa. Anche Ferrari e Oikonomou secondo me vogliono giocare e la vivono male poi però si gioca solo in undici e mi prendo la responsabilità delle mie scelte. Comunque chi non gioca si allena come chi va in campo e mi baso su quello che vedo durante la settimana“. Potrebbe avere una nuova chance da titolare anche Acquafresca a proposito del quale il mister dice: “Acquafresca non è al massimo della condizione ma ha lavorato tanto, è un giocatore importante e credo che sia soddisfatto di quello che ha fatto. Quello che ho visto in lui quando era un mio compagno di squadra l’ho rivisto anche qui dal primo giorno: lavora tanto e bene a prescindere dall’impiego. Gli ho dato fiducia perchè questo suo atteggiamento mi piace e sono una persona che crede molto nel lavoro“.

A proposito invece di Casarini e Perez, il tecnico uruguaiano dichiara: “Non voglio rischiare Casarini perchè il suo recupero sta andando bene ma dobbiamo anche tenere conto del fatto che avremo altre due partite nella stessa settimana. Perez finora ha lavorato solo due volte con noi quindi penso che sarà al massimo tra circa 20 giorni“. Ultime considerazioni ancora sulla vittoria di Pescara: “Ceccarelli ha fatto una buona partita così come mi sono piaciuti quelli che sono entrati a gara in corso perchè ci hanno creduto e questo spirito può risultare decisivo“. Ora però l’avversario è il Crotone a cui seguirà una settimana impegnativa con altre due gare: “Il Crotone ha un ottimo allenatore – dice Lopez – e penso che abbia raccolto finora meno di quanto avrebbe meritato. A Latina hanno fatto bene nel primo tempo e ci aspettiamo quindi un avversario che non starà chiuso ma che verrà a giocarsela a viso aperto. Come detto avremo altre partite ravvicinate, ma io adesso mi concentro solo sul Crotone e al prossimo avversario ci penserò da domani sera e domani manderò in campo una formazione in grado di vincere“. Infine non ci sono particolari commenti sulle vicende societarie a proposito delle quali l’allenatore dice: “Leggo poco sinceramente ma non posso dire che siamo ciechi o sordi. È normale che siamo informati di quello che sta succedendo ma vedo che i miei ragazzi sono concentrati nel loro lavoro sul campo poi il resto non ci riguarda e non ne parliamo“.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *