Lopez: “Speriamo in un grande risultato nel derby. Saputo? Persona seria”


Alla vigilia della partita contro il Modena, mister Lopez auspica che il suo Bologna si esprima come in trasferta, dove ha raccolto 5 vittorie consecutive

– di Massimo Righi –

Diego Lopez in conferenza stampa

Diego Lopez in conferenza stampa

La consapevolezza che in casa bisogna cambiare rotta c’è. Diego Lopez lo sa bene, da tempo, che il suo Bologna in casa fatica tremendamentesono quattro partite che non segniamo in casa, coi ragazzi ne abbiamo parlato e lavorato su questo aspetto“. Le cose da migliorare per Lopez sono diverse, in primis “certamente il gioco, ma non solo. Dobbiamo avere più determinazione e giocare meglio senza palla, inoltre dobbiamo recuperare tanti palloni come facciamo in trasferta, dove senza dubbio ci esprimiamo meglio. Le squadre che giocano contro di noi si chiudono sempre, non solo al Dall’Ara, solo che fuori casa siamo più costanti e finiamo per fare meglio ed è una cosa strana. Resto ottimista, vedo i ragazzi in settimana e ce la stanno mettendo tutta. Dispiace non fare risultato in casa, davanti alla nostra gente che ci segue sempre con affetto e che a Bologna riempe sempre la curva”. Domani si affrontano due fra le difese più forti del campionato: “Ho una squadra che sa difendere bene e che sta mancando nel gioco, che però non ci manca, l’abbiamo già dimostrato. Loro vengono dal recupero infrasettimanale ma mi aspetto comunque una squadra agguerrita, che viene a giocarsi un derby che come sappiamo tutti è una partita a sé. Pavan? Abbiamo fatto il corso assieme a Coverciano. Non lo conosco come allenatore, ma è partito col piede giusto. Gioca con il 4-3-3 e il suo Modena lavora molto bene in fase di non possesso, oltre a correre molto. Sulle fasce ha giocatori importanti e davanti c’è Granoche che conosco bene e ritengo sia un ottimo centravanti, difficile da marcare. Cosa mi aspetto da loro? Ogni partita è una storia a sé, vedremo domani. Conta il risultato, credo non mancherà la nostra prestazione, speriamo di cogliere un grande risultato”.

Tornando ai temi di casa rossoblù, Lopez ammette che se tornasse indietro a Varese, rifarebbe le stesse scelte: “Se scelgo di tenere Sansone in panchina non è perché penso che possa servirmi solo a partita in corso, per me lui può fare bene anche dall’inizio. Scelgo in base a quello che vedo in allenamento. La pretattica? L’ho sempre fatta anche a Cagliari, ma non ho mai cambiato troppo, il modulo è quasi sempre rimasto quello. Possiamo giocare con il 4-1-3-2? Certo, soprattutto se fatichiamo a sfondare per vie centrali”. Torna a disposizione Morleo, ristabilitosi dopo l’infortunio al ginocchio: “Sono felice per il nostro capitano, l’ho visto lavorare bene in rifinitura. Il ginocchio è a posto, le sue sensazioni sono importanti, ma noi dello staff tecnico l’abbiamo valutato assieme per il recupero. Masina? Si è diffidato e il rientro di Morleo è positivo anche in questo senso. Adam è un ragazzo giovane, che lavora tanto e che ha bisogno di maturare come tutti i giovani”. Ieri il mister ha anche incontrato il patron Joey Saputo: “Ho parlato con lui ieri, ha grande entusiasmo ed è una persona seria. La sua presenza è importante e sta dimostrando di portare dei fatti oltre alle parole. Se rifarei la scelta di venire a Bologna? Quando sono arrivato c’era la guerra civile, ma sapevo dove venivo, non mi pento affatto”. Due parole infine sulla questione Parma: “Dispiace molto per quanto sta accadendo a Parma, ma non mi permetto di dire altro perché non vivo la situazione e non è mio costume parlare degli altri, nemmeno degli avversari”. Domani, fischio d’inizio alle ore 15.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *