A Losail vince Lorenzo ma la Ducati è un missile


In Qatar vince subito il campione in carica Lorenzo ma impressiona la potenza delle Ducati che piazzano Dovizioso secondo prima di Marquez. Solo quarto Rossi

– di Marco Vigarani –

Prima vittoria a Losail per Jorge Lorenzo (ph. MotoGP)

Prima vittoria a Losail per Jorge Lorenzo (ph. MotoGP)

Dopo le buone notizie arrivate dalle automobili, anche il mondo delle moto regala un sorriso a chi ama l’Italia. La bolognese Ducati degli italiani Dovizioso e Iannone ha infatti dimostrato di avere una potenza di fuoco in grado di far tremare i polsi ai colossi giapponesi, esplificata magistralmente dal sorpasso in coppia eseguito ai danni del campione in carica Lorenzo al primo rettilineo utile del gran premio di Losail. Sulla pista del Qatar per il primo appuntamento stagionale va in scena l’atteso salto di qualità delle rosse di Borgo Panigale ma anche la prima conferma di Jorge Lorenzo, re del weekend dentro e fuori dalla pista. La sua battaglia psicologica con il compagno e rivale Valentino Rossi produce l’effetto sperato ed anche se è il veterano a firmare il rinnovo contrattuale con la Yamaha (lasciando il maiorchino libero di valutare una proposta arrivata proprio dalla Ducati), i primi 25 punti sono per il campione in carica. Scattato davanti a tutti ma costretto a rincorrere i due fulmini rossi, egli ha avuto la pazienza di attendere il momento giusto per riprendere il controllo della gara dopo un bel duello fratricida tra Dovizioso e Iannone con quest’ultimo costretto ad uscire dai giochi per una caduta dettata dall’eccessiva frenesia. A quel punto, con il primo posto saldamente nelle mani di Lorenzo inseguito da un eccellente Dovizioso, si è acceso un tiepido duello tra Rossi e Marquez che però ha visto prevalere l’iberico poi incapace di riprendere la lanciatissima Ducati, dotata apparentemente non solo di potenza ma anche finalmente di un buon equilibrio.

Splendido secondo posto per Andrea Dovizioso su Ducati (ph. Gazzetta dello Sport)

Splendido secondo posto per Andrea Dovizioso su Ducati (ph. Gazzetta dello Sport)

Al termine della corsa, ecco il pensiero proprio del ducatista Dovizioso: “Non è stato facile perchè sia io che Marquez abbiamo entrambi avuto problemi con le gomme, alla fine sapevo che ci avrebbe provato ma è andato lungo e ce l’ho fatta. In rettilineo abbiamo un motore che fa davvero paura quindi devo fare i complimenti agli ingegneri Ducati. Sono davvero felice perché con le nuove regole è tornato il feeling giusto con la moto che avevo smarrito nel finale di stagione del 2015. Ora siamo di nuovo competitivi ed è positivo aver iniziato così perché, nonostante i test positivi, solo la gara dice la verità su chi sei. Il campionato è lungo e ci sono margini di miglioramento ma sicuramente abbiamo la velocità“. Arrivano complimenti alla moto bolognese anche dal campione in carica e vincitore Lorenzo che dice: “Sono felice per questa vittoria e soprattutto di iniziare la stagione in questo modo: adesso iniziamo a divertirci. Non credevo che sarei stato in grado di vincere con tanta differenza considerando la velocità della Ducati. È davvero incredibile come va quel motore e iniziano ad andare forte pure in curva e con i motori congelati…“.

Classifica piloti
Lorenzo 25; Dovizioso 20; Marquez 16; Rossi 13; Pedrosa 11; Vinales 10; P. Espargaro 9; Smith 8; Barbera 7; Redding 6; A. Espargaro 5; Laverty 4; Bautista 3; Miller 2; Rabat 1; Bradl, Baz, Crutchlow, Iannone, Hernandez 0.

Classifica squadre
Yamaha 25; Ducati 20; Honda 16; Suzuki 10; Aprilia 3.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *