Maietta ammette: “Contro il Brescia potevamo fare di più”


Il difensore rossoblù Domenico Maietta analizza il momento del Bologna e i prossimi difficili impegni in calendario

– di Marco Vigarani –

Domenico Maietta,  difensore del Bologna

Domenico Maietta, difensore del Bologna

Dopo la sconfitta patita per mano del Brescia, si presenta in conferenza stampa il difensore Domenico Maietta che analizza il trend del Bologna: “A volte siamo carenti in fatto di concentrazione perché facciamo delle belle partite ma non riusciamo a vincere mentre invece con il Brescia abbiamo meritato la sconfitta pur subendo gol praticamente sui loro unici tiri in porta“. Al termine della gara di sabato poi il compagno reparto Oikonomou aveva fatto un mea culpa che Maietta commenta così: “Non è vero che la sconfitta sia una sua responsabilità perché allora sarebbe anche colpa mia. I suoi errori ci stanno e lo aiuteranno a crescere. Si tratta di un problema di atteggiamento da parte di tutti perché comunque alla squadra mancava la cattiveria giusta per vincere: è un fatto inconscio che ha influito anche sull’aver creato poche occasioni da gol e quindi non essere riusciti a chiudere la partita. Abbiamo dato la vittoria troppo per scontato ma vi assicuro che le questioni societarie non ci coinvolgono ora come non ci coinvolgevano prima“. Il cambio al vertice però ha chiarito che l’obiettivo del Bologna deve essere la promozione e a tal proposito il difensore ammette: “Per me la Serie A è sempre stata l’unico scopo sin dal primo giorno quindi non è cambiato nulla. In ogni caso penso alla mia annata a Frosinone quando a Natale eravamo primi e alla fine ci siamo salvati all’ultima giornata quindi non guardo ancora la classifica: inizierò a pensarci solo da gennaio. Guardo in casa nostra e so che dando il 110% potremo toglierci delle soddisfazioni“.

Dall’alto della sua esperienza poi Maietta dichiara: “Questa sconfitta ci servirà da lezione come fu per quella contro il Crotone. Dobbiamo farci un bagno di umiltà e rientrare tutti sui binari giusti: a volte certe scoppole aiutano. Anche perché la gara contro il Brescia, per come è arrivata in modo simile a Livorno, sinceramente brucia ancora visto che loro non hanno dominato. Quando arrivi a casa dopo la gara consapevole che avresti potuto dare di più fa male“. Maietta però prova ad individuare anche una soluzione: “Ci affidiamo tutti al mister perché lui sa leggere la partita, con i cambi purtroppo non siamo riusciti a fare bene ma la colpa è nostra“. Lo sguardo va quindi al prossimo avversario: “Lo Spezia è una squadra solida con qualità importanti – spiega – che lotta per la vittoria finale ed in più può contare su un campo stretto con un clima caldo che però non ci spaventa. Saremo comunque undici contro undici“. C’è poi un calendario che pone davanti al Bologna sfide impegnative che però Maietta non teme: “Meglio così. Credo che il prossimo mese e mezzo di scontri diretti ci dimostrerà di che pasta siamo fatti. Voglio fare una grande partita contro tutte le grandi in particolare contro il Catania che ha un organico da Serie A“.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *