Maietta: “Conta solo il risultato anche se con qualche rigore…”


Il difensore rossoblù Domenico Maietta parla in conferenza stampa della stagione del Bologna e rimarca la perdurante assenza di rigori a favore

– di Marco Vigarani –

Domenico Maietta in conferenza stampa

Domenico Maietta in conferenza stampa

Dopo diversi mesi di assenza dalla sala stampa di Casteldebole, torna a parlare il difensore Domenico Maietta che nella sua analisi parte dallo stato di forma attuale del Bologna: “Questo è un campionato strano fatto di alti e bassi – spiega – è vero che nelle ultime gare in casa abbiamo offerto prestazioni non convincenti, ma l’importante è solo il risultato. Cinque vittorie e due pareggi nelle ultime sette gare ci rendono soddisfatti ma consapevoli di non dover mollare. A Cittadella nel primo tempo abbiamo fatto un’ottima gara comandando il gioco e rispondendo anche alle richieste di chi vorrebbe vedere un buon calcio. Anche se siamo una corazzata però non è automatico poter vincere sempre dominando e a volte servono anche gli episodi favorevoli che in alcune occasioni ci sono mancati“. La difesa rossoblù però appare come il reparto più convincente e a tal proposito ecco la riflessione di Maietta: “Il segreto è la concentrazione non solo di noi difensori ma di tutta la squadra: è un’intera fase di gioco a funzionare correttamente. Mi trovavo bene con Oikonomou e mi trovo altrettanto bene con Gastaldello, per ora non stiamo provando la difesa a tre ma credo che possa essere un’opzione percorribile. Poi con un difensore aggiunto come Matuzalem è tutto più semplice. Resta il fatto che comunque dobbiamo migliorare anche per evitare che Coppola, che è in un ottimo periodo, debba fare interventi complessi“.

Il Bologna però evidenzia ancora difficoltà in attacco e questa è la spiegazione fornita dall’esperto difensore acquistato in estate dal Verona: “Gli attaccanti fanno i movimenti giusti anche per liberare spazi ad esempio per Laribi che è sicuramente nella sua migliore annata. Poi le punte si sbloccano anche con i rigori ma qui non ne arrivano mai: uno solo in tutto il campionato è davvero troppo poco e non mi spiego il motivo. Vorrà dire che la prossima volta protesterò ancora di più fino a farmi cacciare (ride, ndr)”. Lo sguardo di Maietta si sposta quindi al futuro prossimo e all’ultima fase della stagione: “Ora attendiamo Vicenza e Latina – dice – che sono le squadre più in forma del campionato ma per fortuna verranno al Dall’Ara. La mia speranza è che vengano a giocarsela e non a chiudersi dietro ma noi dobbiamo essere pronti in ogni caso anche perché le inseguitrici non mollano ed ora si entra nel vivo della Serie B. Sono contento che l’Avellino abbia vinto a Livorno anche se forse avrei preferito un pareggio“. Le ultime riflessioni sono dedicate a due compagni giovani che stanno per ora vivendo stagioni diverse: “Masina sta crescendo tanto, è un grande talento ed un bravo ragazzo da tenere d’occhio: dei tanti giovani che abbiamo è sicuramente quello che mi piace di più. Anche Mbaye ha tutto per fare una grande carriera, si è integrato a meraviglia nella nostra realtà ed in futuro avrà il suo spazio“.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *