Maietta: “Quanti compleanni in ritiro! Attacco? Falso problema”


Nel giorno del suo 34esimo compleanno ha parlato Mimmo Maietta passando dal passato al futuro senza dimenticare lo stato di salute di questo Bologna

– di Marco Vigarani –

Domenico Maietta in conferenza stampa

Domenico Maietta in conferenza stampa

Compleanno in ritiro oggi per Mimmo Maietta che si è presentato in conferenza stampa prima di usufruire con i compagni di una mezza giornata di libertà. Non è certamente una novità lavorare nel giorno della festa per l’esperto difensore che ricorda: “Ho praticamente sempre festeggiato in ritiro ma sono i compleanni più belli e vorrei che anche il prossimo fosse qui con il Bologna. A 18 anni ero con la Juventus e feci il mio esordio da titolare. Ho fatto tanta gavetta e sacrifici ma il calcio mi ha permesso anche di conoscere posti che non avrei mai immaginato di poter scoprire“. La chiacchierata con il veterano rossoblù parte quindi dai ricordi anche del suo arrivo al Bologna: “Quando sono arrivato c’era una situazione particolare, Fusco mi propose una sfida ed io la accettai. Siamo stati bravi a centrare subito la promozione ma allora poi è cambiato tanto e quindi posso anche ritenermi fortunato“. Maietta poi parla del Bologna di oggi, di un gruppo giovane che ancora una volta dovrà guidare: “In difesa ormai lavoriamo insieme da anni quindi ci conosciamo bene ma in generale vedo un gruppo sano che sta cercando un’identità di gioco precisa. Anche i nuovi arrivati mi piacciono perchè sono ragazzi spigliati oltre che ottimi calciatori dai quali sento di poter ancora imparare qualcosa. Crediamo di poter far meglio dello scorso anno a partire dalla gara contro il Crotone che ci permetterà di mettere subito in chiaro le cose“. Arriva poi anche qualche chiarimento sui problemi individuati in questa squadra: “L’attacco in realtà mi sembra un falso problema perchè quando torneranno Destro e Floccari sarà tutto sistemato. Intanto chi c’è lavora duro per fare del proprio meglio. Sembriamo una squadra tecnica e poco feroce? In realtà anche ieri ho visto ragazzi con la giusta cattiveria sportiva e poi noi esperti li aiuteremo a crescere anche sotto questo punto di vista“. Le ultime riflessioni di Maietta poi sono su di sè spaziando dal campo al mercato: “Ora sto bene ma anche quando ho qualche infortunio non mi arrendo mai fino al momento del ritorno in campo e poi cerco di mettere in difficoltà il mister nelle scelte allenandomi sempre al massimo. In estate non ho avuto contatti neanche con il Verona di Fusco, mi fido di questa società e penso che dopo il mercato ci siederemo attorno ad un tavolo per parlare del futuro“.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *