Malagò e Montezemolo lanciano Roma 2024


Il presidente CONI Malagò ed il promotore Montezemolo ieri hanno presentato al Senato le proposte per la candidatura di Roma alle Olimpiadi del 2024

– di Marco Vigarani – 

Luca Cordero di Montezemolo, promotore di Roma 2024 (ph. Zimbio)

Luca Cordero di Montezemolo, promotore di Roma 2024 (ph. Zimbio)

La possibilità ditornare ad ospitare in Italia le Olimpiadi estive da ieri è decisamente più concreta. La Commissione Istruzione e Sport del Senato infatti ha ascoltato le proposte avanzate dal numero uno del CONI Giovanni Malagò e dal presidente del comitato promotore di Roma 2024 Luca Cordero di Montezemolo. Al termine dell’incontro infatti il presidente della commissione Marcucci ha ammesso: “Quella di Roma è una candidatura forte e credibile che darebbe un grande segnale di ripartenza all’intero Paese“. Non ha usaro mezze misure Montezemolo per spiegare il suo progetto e combattere da subito dubbi e critiche: “Se l’Italia rifiuta un’opportunità che hanno colto grandi nazioni come Stati Uniti, Francia e Germania è meglio chiudere tutto. Se Roma non sfrutta questa occasione per recuperare il gap con Milano in fatto di decoro e infrastrutture per timore della corruzione allora è davvero meglio andare tutti a casa“. Si tratta anche di rilanciare gli investimenti stranieri in Italia che negli ultimi sei anni sono crollati del 58%.

Roma 2024 però è una candidatura che necessita del supporto delle istituzioni per completare i progetti già realizzati e soprattutto individuare le modalità di fruizione degli impianti dal momento immediatamente successivo alle gare. Montezemolo ha poi aggiunto: “Servono cinque impianti per potersi candidare: il Villaggio, il palazzo dello sport, il centro stampa, il bacino per la canoa ed il velodromo. Alcune altre opere possono invece essere anche temporanee“. Si parlerà degli interventi più importanti già martedì prossimo in una riunione con l’assessore preposto di Roma e riguardo allo stadio per la finale del torneo di calcio, stante la disponibilità dell’Olimpico per le gare di atletica, è stato Malagò a lanciare una proposta: “Se l’impianto sarà pronto giocheremo nel nuovo stadio della Roma a Tor di Valle“.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *