Marquez rimonta e vince: il Mondiale si avvicina


Marquez vince ad Aragon e adesso guida la classifica con 52 punti di vantaggio su Rossi. Il Mondiale è davvero vicino, male le Ducati

– di Alberto Bortolotti –

L'entusiasmo di Marc Marquez dopo la vittoria nel GP di Aragon (ph. Zimbio)

L’entusiasmo di Marc Marquez dopo la vittoria nel GP di Aragon (ph. Zimbio)

Un altro passo di Marquez verso il Mondiale. Vince ad Aragon in rimonta su Lorenzo e Rossi e il suo vantaggio a 4 gran premi dalla fine sale a 52 punti sull’asso di Tavullia. A seguire Vinales, Crutchlow e Pedrosa. Soltanto undicesimo Dovizioso, che conferma il brutto momento ducatista: “Ho perso il davanti in una situazione che non era normale e da quel momento ho cominciato ad avere grossi problemi sul davanti. Non potevo più fare percorrenza, ma soprattutto frenare forte, quindi ho dovuto mollare. Poi la gomma posteriore si è anche girata sul cerchio e questo ha creato una grande vibrazione. Quando sei in moto purtroppo non puoi sapere cosa sta succedendo di preciso. Dato che il problema era davanti, pensavo di aver perso dei pezzi di gomma, ed in effetti qualcosina avevo perso. Credevo fosse quello ad innescare la vibrazione, invece era la gomma dietro. Ho avuto paura nel rettilineo, perché con la velocità aumentava e quindi ho mollato perché era troppo rischioso”.

In Moto2 Lowes precede Marquez e Morbidelli.
La Moto3 laurea Binder campione del mondo, secondo posto dietro Navarro e davanti a Bastianini.

Torniamo alla Motogp. La soddisfazione del vincitore e capolista nel Mondiale, Marc Marquez: “Sapevo che Misano sarebbe stata una pista complicata per la nostra moto, ma anche per il mio stile di guida, quindi mi sono dovuto gestire. Aragon invece era un punto rosso sul calendario per me, qui dovevo attaccare. Da diverse gare Valentino stava recuperando punti e bisognava fermarlo: è importante prima della tripletta asiatica”.
Per chiudere, un realistico bilancio tracciato da Valentino Rossi: “Siamo un po’ preoccupati e dobbiamo cercare di fare qualcosa in più perché nelle ultime gare hanno vinto tante Honda, anche con pilota diversi, mentre noi è da Barcellona che non vinciamo . Dobbiamo capire cosa dobbiamo fare per migliorare perché ci sono quattro gare che sono importantissime e nelle quali mi piacerebbe lottare per vincere. Si possono mettere le basi per fare uno step l’anno prossimo, anche se dipenderà dalle piste e le prossime dovrebbero essere favorevoli alla nostra moto. All’inizio dell’anno la nostra moto era la migliore, ma adesso bisogna lavorare”.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *