Masina ai ragazzi: “Non smettete mai di divertirvi”


Intervenuto alla presentazione della Junior Tim Cup, Adam Masina ha dispensato sorrisi, foto e consigli ai tanti ragazzi presenti all’Oratorio Santa Teresa

– di Marco Vigarani –

Adam Masina posa con due giovani tifosi (ph. Schicchi)

Adam Masina posa con due giovani tifosi (ph. Schicchi)

Presso l’Oratorio Santa Teresa si viveva una sensazione di palpabile attesa nei minuti immediatamente precedenti l’arrivo di Adam Masina, come se al posto di un giovane talento emergente stesse per varcare la soglia un big affermato del calcio mondiale. La grandezza del terzino rossoblù però è già visibile a tutti e parte dal profondo di un animo limpido e schietto come pochi coetanei, calciatori e non, sanno essere. La vita ha forgiato Masina nelle difficoltà rendendolo un uomo già straordinario nella generosità ed acuto nelle affermazioni, prodigo di consigli per ragazzi che lo vedono già come un mito ma che, carta d’identità alla mano, potrebbero essere suoi fratelli minori. Accolto da applausi vibranti di bambini e genitori accorsi per la presentazione della quarta edizione della Junior Tim Cup, il ragazzo che in tanti vorrebbero vedere in futuro con la fascia di capitano al braccio ha parlato sia dal palco che ai microfoni dei cronisti lanciando subito un bel messaggio al giovane pubblico. “Fino a pochi anni fa ero esattamente come voi – ha detto – e venivo all’oratorio per divertirmi con gli amici giocando a pallone. Per questo motivo vi voglio dire che la cosa più importante è continuare sempre a divertirsi a correre dietro ad un pallone con il sorriso sulle labbra. Non importa avere le qualità per arrivare o meno al professionismo perchè il percorso è lungo e difficile, ma conta soprattutto come si percorre la propria strada nel calcio come nella vita. Sto cercando di farlo divertendomi mentre mi impegno per migliorarmi e sicuramente finora questa è la chiave della mia carriera“. Inevitabilmente si è parlato anche di campo e del futuro di questo Bologna a partire dalla sfida contro il Carpi: “All’andata stavamo attraversando un momento difficile ed eravamo alla ricerca di un’identità che oggi abbiamo sicuramente trovato. Vogliamo quindi continuare a fare bene a partire proprio da domenica. In spogliatoio non parliamo di quale potrebbe essere l’obiettivo di classifica per questo finale di stagione ma puntiamo soltanto a migliorare tutti insieme per non fermarci“.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *