Matuzalem: “Bologna, devi essere più cattivo”


Francelino Matuzalem ha parlato oggi alla stampa dopo il pareggio con l’Entella. La squadra, secondo il brasiliano, necessita di più convinzione nei propri mezzi

-di Massimo Righi-

Francelino Matuzalem, centrocampista brasiliano del Bologna

Francelino Matuzalem, centrocampista brasiliano del Bologna

Arriva in sala stampa Matuzalem e il primo quesito non può che essere riguardo al complicato inizio di stagione: “Per fortuna siamo solo all’inizio, dobbiamo migliorare cercando quanto prima di fare passi avanti. Già venerdì abbiamo l’occasione di riscattarci con una vittoria. Cosa non va? Difficile dirlo, ma va detto che ci sono tanti giocatori nuovi, me compreso, e dobbiamo cercare di fare meglio tutti insieme. Credo che una vittoria possa cambiare tutto”. Il centrocampista torna sulla gara pareggiata con l’Entella: “Non è facile prendere gol subito, noi abbiamo anche provato a vincerla ma abbiamo fatto fatica. Meglio col nuovo modulo? Non lo so, non l’avevamo mai provato ma quando abbiamo cambiato è arrivato il gol ma non solo, siamo cresciuti e abbiamo schiacciato gli avversari. Cacia isolato? È vero, non possiamo dipendere solo da lui, dobbiamo portargli più giocatori vicino per dargli una mano”. Matuzalem riprende il tema della squadra rinnovata rispetto all’anno scorso e dice: “Questa situazione forse ci penalizza un po’, ma la piazza di Bologna è importante ed è logico aspettarsi qualcosa di meglio rispetto a quanto abbiamo fatto. Sta in noi far vedere che non siamo quelli visti ma che siamo una buona squadra anzi, non ci aspettavamo di partire così male. I fischi? Sono giusti, è normale. I tifosi vogliono vedere una squadra che lotta e vince, dobbiamo tramutare i fischi in applausi. Credo che dovremo scendere in campo tutti più cattivi e più convinti delle nostre qualità”. La piazza, si sa, viene da una bruciante retrocessione ma il centrocampista non parla di strascichi: “Tutti quelli arrivati in estate sono venuti per riportare subito in A il Bologna e questo al di là di quello che è stato l’anno scorso, delle aspettative e delle pressioni”. La sua condizione fisica è apparsa non eccelsa: “Io sto bene, magari non ancora al cento per cento, ma io come gli altri devo dare di più per aiutare il gruppo a fare meglio”. Oggi la squadra inizierà a preparare la sfida di venerdì a Pescara: “Sarà difficile, sono una buona squadra, giocano in casa e noi non possiamo più sbagliare nulla, bisogna arrivare preparati”. Infine, due parole sulla sua esperienza bolognese: “Ho girato un po’ per la città, sto affrontando una nuova sfida e spero di andare bene fino alla fine”. Il Bologna giocherà venerdì sera a Pescara, all’Adriatico i rossoblù non avranno vita facile.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *