Mercato di gennaio, idee e occasioni


A dispetto dei tempi il mercato è già alle porte. Fra accordi in alto mare e gentlemen agreement chiacchierati, vediamo cosa può riservare il mercato anche in ottica Bologna

– di Massimo Righi –

Carlton Cole, centravanti in scadenza con il West Ham United

Carlton Cole, centravanti in scadenza con il West Ham United

Il calciomercato incombe. Siamo solo a novembre o siamo già a novembre? Questione di punti di vista, rimane il fatto che la sessione invernale di mercato inizierà il 5 gennaio prossimo per chiudersi poco meno di un mese dopo, il 2 febbraio. Dall’1 gennaio però, i giocatori in scadenza a giugno 2015, potranno firmare dei pre contratti con altre squadre ed è proprio in ragione di questo che il calciomercato é già pronto ad entrare nel vivo. In attesa di definire la propria situazione societaria, anche il Bologna dovrà iniziare a programmare il proprio futuro.

Parametri zero italiani – Non sapendo ancora di che budget potrà disporre il Bologna, facciamo qualche ipotesi su alcuni nomi abbordabili, ricordando che a gennaio, le società che hanno tesserati in scadenza, dovranno trattare a prezzi ragionevoli per evitare di perderli a costo zero a giugno. Come trapela da tempo, il presidente Tacopina vuole giocatori che siano pronti per giocare in A, sposando il suo progetto. Senza fare nomi fuori portata, la Fiorentina potrebbe volersi liberare di giocatori ai margini come il trequartista Andrea Lazzari e l’olandese-marocchino El Hamdaoui, zero presenze in due nella stagione in corso. Nella Lazio vanno in scadenza Ciani e Ledesma, difensore e regista, di cui il rinnovo pare piuttosto in alto mare. Non conoscendo l’ambizione immediata degli investitori rossoblù, ci sono nomi altisonanti che fanno gola e che vanno convinti ad accettare un’eventuale B per poi rigiocarsi la A dopo 6 mesi. Premesso che si parla in termini di fantacalcio, il mercato dei futuri svincolati propone giocatori come Pasqual e Maggio come esterni fluidificanti (entrambi in aria di addio a Firenze e Napoli), mentre dalla trequarti in su ci sono perle da rilanciare del calibro di Giovinco, Pazzini, Borriello e Saviola, giocatori che sposterebbero gli equilibri. Ne basterebbe uno, rievocando le imprese di Baggio, Signori e Di Vaio.

Occasioni estere – Nei maggiori campionati esteri, il Bologna potrebbe trovare qualche elemento per l’anno prossimo (in caso di A), bloccandolo già da gennaio, tralasciando i nomi impossibili già difficili da gestire dalle superpotenze europee. Dal West Ham si svincoleranno gli attaccanti Vaz Te e Cole, dal WBA l’argentino Yacob, che potrebbe ricostituire con Zuculini il centrocampo del Racing Club che tanto bene fece qualche anno fa. Dal Crystal Palace è in uscita l’espero centrale norvegese Hangeland, mentre il Newcastle può liberare l’esterno argentino Gutierrez e il fantasista Ben Arfa, ex promessa del calcio transalpino, entrambi sull’uscio. Dal Sunderland è in scadenza anche il centrocampista 21enne Wickham, sempre che di qui a un mese non rinnovi. In Spagna, l’Athletic Bilbao ha ben 5 uomini in scadenza, fra questi potrebbe far comodo l’attaccante Aduriz, boia del Napoli nei preliminari di Champions League. In Francia, l’ex Milan Gourcouff (nome alla pari dei sopra citati big italiani in cerca di riscatto) è in scadenza con il Lione, più facile però arrivare a Marveaux del Montpellier. In Germania, l’Amburgo che vive condizioni economiche difficili, potrebbe non rinnovare con il terzino sinistro Jansen, giocatore di grande affidabilità. Altri nomi interessanti sono Bellarabi, attaccante del Leverkusen, Prodl del Werder Brema e l’elvetico Barnetta dello Schalke 04. Infine, l’esterno ucraino del Dnipro Konoplyanka, potrebbe essere un colpo notevole, sempre che i club più facoltosi non decidano di puntare su di lui.

In attesa che questi giocatori chiariscano il proprio futuro, le società a caccia di occasioni e affari a costi contenuti si stanno già muovendo. Una nota curiosa: la sessione invernale del calciomercato italiano, si sposterà da Milano a Taormina per tre giorni, dove nel mentre si terrà anche un convegno sul futuro della professione degli agenti.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *