Mercato di gennaio: tanto rumore per nulla, i casi di Diamanti e Guarin


Diamanti al Guangzhou Evergrande allenato da Lippi. Tutto definito: 9,3 milioni subito al Bologna e 20 milioni in 4 anni per Alino. Cifre da capogiro, a cui nessuno avrebbe detto no. Rivolta dei tifosi sul web e a Casteldebole. La mattina ci si sveglia come da un brutto sogno: mancano le garanzie sui fondi cinesi, la trattativa pare sia saltata, con tanto di comunicato ufficiale del Bologna al Guangzhou Evergrande :

«Caro Signor Yongzhuo, Prima di tutto la ringraziamo per il suo garbato interesse nel giocatore Alessandro Diamanti; sfortunatamente dobbiamo informarla che, a causa del rifiuto delle nostre richieste per l’accordo, siamo forzati a bloccare la negoziazione. Grazie ancora per la sua professionalità. Augurandole i migliori successi, i miei migliori saluti Presidente del Bologna Albano Guaraldi».

Respiro di sollievo per molti tifosi. Per altri ennesima dimostrazione di una dirigenza poco capace nel gestire le trattative importanti.

La telenovela dello scambio Vucinic-Guarin

Vucinic-Guarin, la telenovela del mercato di gennaio.

Altro caso clamoroso di questa sessione di mercato invernale è stato quello del tentato scambio tra Guarin e Vucinic. Tutto definito, tutto saltato, tutto riaperto, chiaro no? Per capirci qualcosa occorre una breve crono-story dell’accaduto, perché nemmeno una soap-opera  ha una trama tanto complessa.

20 gennaio Diversi siti di calciomercato danno per certo lo scambio, i due giocatori vengono visti nelle rispettive sedi societarie con i propri agenti per discutere i nuovi contratti. Bonucci e diversi compagni di squadra salutano Vucinic su Twitter. Tantissimi sostenitori dell’inter insorgono sui social network contro la dirigenza accusandola di incompetenza. Ancora nulla di ufficiale ma si leggono già dichiarazioni d’amore dei giocatori per i loro “nuovi” club. “Sono entusiasta, volevo solo l’Inter” pare abbia detto Vucinic al telefono con Thohir.

21 gennaio In mattinata si trova l’accordo sul conguaglio, la Juventus verserà 1.5 milioni nelle casse interiste. Vucinic deve solo raggiungere la sede dell’inter per il contratto. Peccato che davanti alla sede dell’Inter sia dovuta intervenire la polizia per il notevole concentramento di tifosi irrequieti. E qui il colpo di scena! Pare che Thohir tramite un SMS abbia detto NO alla trattativa. Ma come? E ora chi glielo dice a Vucinic e Guarin? I tifosi sotto la sede esultano, forse si sono sentiti davvero potenti questa volta, ma non pensano che si troveranno con un giocatore separato in casa e con il problema punte ancora aperto. Esce quindi il comunicato ufficiale a cui la Juventus risponde per le rime:

«Juventus Football Club non commenta il comunicato dell’Internazionale F.C.

La società è concentrata sulla gara di Coppa Italia TIM e procederà alla valutazione e alla spiegazione dello sconcertante accaduto».

Silenzio per qualche giorno, poi sono i giocatori a parlare: sperano entrambi che lo scambio possa ancora andare in porto. Di fatto sono davvero due separati in casa, Vucinic ha capito di non rientrare più nei piani societari e vuole un’occasione di rilancio. Guarin è molto scontento della mancata cessione e l’Inter lo tiene comunque sul mercato, per lui ci sono moltissime piste aperte, la prima è quella che porta allo scambio con Nani del Manchester United. Trattativa definitivamente saltata? Anche qui punto di domanda, perchè nelle ultime ore si legge comunque di un possibile passaggio di Vucinic in neroazzurro, ma senza nessun Guarin di mezzo stavolta. Vedere per credere.

Già il calciomercato da seguire è complicato, in più escono troppe notizie discordanti e chi legge non sa più a chi credere. Troppa fretta da parte dei giornalisti o fuga di notizie sbagliate? Sta di fatto che è forse questa altalena di conferme e smentite ad attirare così tanto l’attenzione della gente. Se non ci fossero colpi di scena sarebbe meno emozionante e meno seguito, proprio come una serie televisiva.

Francesco Ferrari
twitter @FrancFerro83

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *