Il mercato che verrà: cosa serve a tutte le squadre di Serie A


Inizia oggi il calciomercato invernale e quindi arriva il momento di esaminare le necessità di ogni squadra della nostra Serie A

– di Marco Vigarani –

Oggi si ricomincia e si andrà avanti fino alle 23 del prossimo 31 gennaio. Riparte il calciomercato per una sessione invernale decisamente anomala visto che la sosta del campionato potrebbe permettere alle trattative di non interferire troppo con la vita agonistica. Vediamo però nel dettaglio quali possono essere le necessità e gli obiettivi delle venti squadre suddivise per potenziale obiettivo finale.

Roberto Inglese entro pochi giorni sarà un giocatore del Napoli (ph. zimbio)

Probabilmente la lotta per lo Scudetto riguarderà ancora una volta soltanto Napoli e Juventus in rigoroso ordine di classifica. I partenopei preleveranno Inglese dal Chievo per completare il parco dei centravanti ma necessitano di un terzino al posto dell’infortunato Ghoulam e di un ricambio di alto profilo nel pacchetto degli esterni offensivi: i sogni sono Verdi e Chiesa. I bianconeri non dovrebbero attuare rivoluzioni se non provare ad inserire in organico già da ora il tedesco Can e magari assestare la situazione dei terzini con qualche veterano in uscita.

La caccia agli altri due posti disponibili per la prossima Champions League attualmente sembra riguardare soltanto l’Inter e le due romane con i nerazzurri pronti a far saltare il banco: Vidal in mezzo al campo più un talento offensivo sono gli obiettivi dichiarati con nomi altisonanti come quelli di Deulofeu, Pastore, Di Maria o Mkhitaryan. Non dovrebbe invece stravolgere la propria fisionomia la Roma che attende di scoprire fino in fondo le carte a disposizione in attacco e pensa al colpo Badelj in mezzo al campo anche per anticipare la concorrenza. Il croato piace in realtà anche alla Lazio che però innanzitutto preleverà Caceres dal Verona e proverà a sbrogliare la vicenda De Vrij.

Restano posti in Europa League con quattro squadre che nutrono più o meno legittimamente ambizioni importanti. La Sampdoria dovrà soprattutto difendere i propri gioielli (su tutti Torreira) per non intaccare un meccanismo quasi perfetto al contrario del Milan che, dopo i botti estivi, cercherà di sbrogliare gli equivoci creati puntando sullo sfoltimento della rosa per ottenere un rendimento adeguato da chi c’è già. Anche l’Atalanta, dopo aver venduto e rinnovato tanto, cercherà di restare praticamente immobile e proseguire con calma la crescita dei suoi talenti. Per la Fiorentina occhi puntati su un centrocampista (qualora se ne andasse Badelj) e soprattutto su un esterno basso capace di assistere la manovra coprendo tutta la fascia di competenza: Laxalt è il nome cerchiato in rosso sul taccuino di Corvino.

Blerim Dzemaili vuole tornare a Bologna: sarà accontentato? (ph. Zimbio.com)

Si arriva quindi al gruppo delle squadre salve e sostanzialmente prive di ambizioni che quindi non hanno particolari richieste da fare al mercato. Il Torino dovrà trovare un vice Belotti per completare l’organico così come l’Udinese starebbe guardando agli attaccanti disponibili a caccia di un rinforzo. Il Bologna opererà invece su due fronti: da una parte cercherà di trattenere Verdi e dall’altra ragionerà sulla possibilità di riprendersi Dzemaili. Il Sassuolo ha individuato in Paletta o Tonelli il sostituto di Cannavaro mentre invece il Chievo potrebbe scegliere l’immobilismo nonostante l’ormai certa partenza di Inglese: si andrà avanti con gli altri attaccanti a disposizione.

Cinque squadre a rischio per due posti in Serie B ma anche in questo caso sarà difficile assistere a grandi movimenti. Il Cagliari ad esempio proverà semplicemente a resistere alle offerte per Barella ed il Genoa si è già messo in casa il talento di Pepito Rossi confidando nella salute del ragazzo. Necessità differenti per Crotone e Spal: i calabresi hanno bisogno di rinforzare il reparto offensivo con una punta da doppia cifra e gli emiliani invece cercano sostanza in mezzo al campo avendo messo nel mirino l’ex palermitano Kasami. Il Verona invece punterà sulle contropartite tecniche in arrivo dalla Lazio nell’ambito dell’affare Caceres.

Chiude il Benevento che, a caccia di un vero e proprio miracolo, cercherà di inserire pedine in ogni reparto per innalzare significativamente il livello complessivo dell’organico. Già praticamente definiti gli arrivi di Guilherme, Billong e Sandro ma si dovrà riflettere anche sull’opportunità di rendere più performante l’attacco.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *