Mertens non si ferma più; Higuain ipoteca lo scudetto


Top e Flop della 17^ giornata di Serie A

– di Francesco Ferrari –

TOP

Dries Mertens è stato protagonista nel Napoli con una doppietta (ph. Zimbio)

Dries Mertens continua a segnare a raffica: quattro reti anche al Torino (ph. Zimbio)

Mertens (Napoli): sette reti nelle ultime due di campionato. Il folletto belga, schierato da punta centrale, si esalta ancora una volta e segna tre reti nei primi 20′ di gara, mandando il Toro al tappeto. Chiude la sua meravigliosa partita segnando la quarta rete personale con un bellissimo pallonetto da dentro l’area di rigore. Il Napoli di Sarri, al momento, è certamente la squadra più in forma del campionato;

Higuain (Juventus): ennesimo gol pesante per il Pipita. La sua rete decide la gara contro la Roma, regala alla Juve il titolo d’inverno e mette una seria ipoteca per lo scudetto. Bellissimo il movimento con cui si libera di De Rossi, per poi scaricare un destro potentissimo sui cui Szczesny non può fare nulla. Standing ovation meritata al momento della sua sostituzione al 82′;

Mchedlidze (Empoli): dopo tanto patire, Martusciello ha trovato il suo bomber. Nello sterile attacco dei toscani brilla la doppietta dell’attaccante gerogiano, da ben sette stagioni a Empoli ma mai considerato titolare dai vari allenatori; questa prestazione potrebbe finalmente essere il suo trampolino di lancio.

FLOP

Valerio Verre ha lasciato il Pescara in 10 uomini dopo soli 16' di gara

Valerio Verre ha lasciato il Pescara in 10 uomini dopo soli 16′ di gara

Verre (Pescara): viene espulso dopo appena 16′ di gara, per un intervento con il piede a martello su Mounier; giusto il cartellino rosso per un fallo tanto duro quanto ingenuo. Il Pescara, ancora a secco di vittorie, cade lentamente sotto i colpi di un Bologna cinico e anche un po’ fortunato. Dura contestazione della curva abruzzese nei confronti di Sebastiani e Oddo ma il presidente pare intenzionato a rinnovare la fiducia del tecnico;

Perin (Genoa): nel rocambolesco finale di Marassi, il giovane portiere rossoblu perde completamente la testa, caricando Nestorovski prima di battere un calcio di punizione, meritandosi il rosso diretto. Ingiustificabile reazione per un professionista;

Barreca (Torino): il terzino granata viene dominato da Mertens. Certo il belga è in stato di grazia ma il difensore del Toro non fa nulla per tentare di arginarlo. Suo il fallo che concede il rigore del 2-0; colpevole anche in occasione della prima rete del centravanti partenopeo. Un pomeriggio da dimenticare.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *