Messi-Barça, le cifre di un divorzio complicato


Messi e il Barcellona vivono un momento difficile. Dall’Inghilterra Chelsea e Manchester City osservano gli sviluppi, ma i costi sono elevati così come i dubbi sulla bontà dell’affare

– di Massimo Righi –

Lionel Messi è il miglior realizzatore nella storia del Clasico (ph express.co.uk)

Lionel Messi è il miglior realizzatore nella storia del Clasico (ph express.co.uk)

Tutti hanno un prezzo, nessuno è incedibile. Così è il mercato del calcio e Messi, a quanto pare non è esente. Dopo alcuni mesi, si torna a parlare dell’argentino in rotta con il Barcellona. Non è una novità infatti, perché già diverso tempo fa si parlò di una sua possibile dipartita per ridargli stimoli e puntare tutto sulla fioritura completa di Neymar. Poi accadde di tutto, dal rinnovo del contratto faraonico per ridare serenità a tutti, tifosi in primis, alle dimissioni di Rosell, colui che ragionò più di tutti sulla possibile cessione di Messi. Ora il problema è Luis Enrique. Il tecnico piace poco all’argentino che tutto fa tranne che nascondere il proprio disappunto, facendo notizia. In Inghilterra dicono che Chelsea e Manchester City sono pronti a fare follie per la Pulce mettendo 639 milioni di euro sul piatto per lui divisi così: 250 per la clausola rescissoria, 20 milioni netti per lo stipendio per almeno sei anni, più tutto il resto.

Dai social, Aguero ha ritwittato (una sorta di mi piace facebookiano) un post di un tifoso che gli chiedeva di chiamare Messi ai Citizens, mentre su Instagram lo stesso fuoriclasse del Barça ha iniziato a seguire la pagina del Chelsea. Tutto giusto e tutto sbagliato, fatto sta che l’affare è complicatissimo: dai costi proibitivi, al fair play finanziario, fino alla reale intenzione del club catalano di cedere Leo. È vero infatti che il mercato del Barcellona non è bloccato in uscita, ma in entrata il club non può fare operazioni fino al 2016, quindi non potrebbe ovviare all’eventuale cessione di Messi. Certamente, il fascino di acquistare un giocatore fra i più forti del mondo, non deve offuscare la mente. Con tutti i soldi impiegati per il suo acquisto (promemoria: 639 milioni) si potrebbe costruire una squadra di altissimo livello. Infine, va ricordato che Messi al Barcellona ha un peso specifico notevole nel club (Luis Enrique ne sa qualcosa) e uno abituato ad avere parecchia voce in capitolo quanto si potrà, e vorrà, adeguare ad un nuovo club e ad un nuovo spogliatoio?

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *