Metà Bologna parte per il ritiro
Assenti centrocampo e fascia destra


L’elenco dei 19 convocati per il ritiro di Castelrotto ha svelato le prime decisioni di Rossi ma anche tutti i buchi della rosa attuale del Bologna

– di Marco Vigarani –

Delio Rossi chiama a rapporto la squadra durante un allenamento

Delio Rossi al lavoro a Casteldebole 

È passato poco più di un mese dalla serata in cui il Bologna ha conquistato il ritorno in Serie A ma oggi i rossoblù inizieranno ufficialmente la nuova stagione scendendo in campo a Castelrotto per il primo allenamento del ritiro estivo. La truppa di Delio Rossi resterà nella località in provincia di Bolzano fino al 27 luglio prima di proseguire la preparazione a Sestola ed in queste due settimane il gruppo dovrà subire una profonda metamorfosi. L’elenco dei 19 convocati che stamattina partiranno in treno per il Trentino infatti evidenzia chiaramente non solo le carenze numeriche e tecniche della rosa attuale ma anche le scelte già compiute dal tecnico in fatto di esuberi. Basti pensare che quattro componenti della lista sono portieri ed altri tre ragazzi minorenni che non possono essere considerati utili alla causa della Serie A: in questo momento quindi Rossi riuscirebbe a mala pena a mandare in campo undici atleti. Ovviamente non saranno parte del gruppo Gastaldello e Zuculini che dovranno proseguire i percorsi riabilitativi dai rispettivi infortuni che li vedranno tornare in campo uno in autunno e l’altro addirittura nel 2016.

Pulzetti commosso dopo il gol al Parma (ph. Zimbio)

Pulzetti non è stato convocato per il ritiro (ph. Zimbio)

Centrocampo assente – Come già rimarcato nei giorni scorsi, la situazione più preoccupante per il Bologna riguarda sicuramente il centrocampo visto che l’unico vero professionista disponibile è il neoacquisto Rizzo che ha comunque all’attivo appena 15 presenze in Serie A. Appare evidente che in questo reparto serviranno almeno cinque innesti di cui due già individuati in Crisetig e Duncan ma che sia necessaria anche un’iniezione di esperienza. Colpisce comunque la scelta di Rossi che, nonostante la penuria anche numerica, lascia a casa uomini come Pulzetti e Djokovic reduci rispettivamente dal prestito al Cesena e dalle numerose presenze a Livorno, ma anche il giovane Scalini già aggregato alla prima squadra l’anno scorso. Scontata e prevedibile invece l’esclusione di Riverola.

Luca Ceccarelli ha segnato la sua prima rete in rossoblù

Luca Ceccarelli è un’esclusione a sorpresa dai 19 convocati 

Bocciature sugli esterni – A prescindere dal modulo su cui vorrà impostare il lavoro tattico, il mister rossoblù potrà contare inoltre soltanto su tre esterni di ruolo: i mancini Morleo e Masina ed il jolly Mbaye. Detto che Garics e Abero erano già stati bocciati lo scorso anno nel girone di ritorno anche da Lopez, fa più notizia l’assenza dai 19 convocati di Ceccarelli. Il terzino destro romagnolo non ha mai goduto di grande considerazione dal momento dell’arrivo a Casteldebole di Rossi ma avrebbe comunque potuto dare una mano al gruppo nelle prime sgambate stagionali in attesa magari di una nuova destinazione come quella che attende Paramatti e Lorenzini.

Una stagione senza gol per Bianchi all'Atalanta (ph. Zimbio)

Bianchi è rientrato dal prestito all’Atalanta  (ph. Zimbio)

Attacco con la valigia – Non può evitare di destare allarme anche la situazione dell’attacco che attualmente vede convocati quattro atleti di cui Corvino sta cercando di liberarsi. Al tridente CaciaAcquafrescaMancosu si è aggiunto il rientrante Bianchi per comporre un parco attaccanti dall’ingaggio pesantissimo che arriva a sfiorare i 3 milioni di euro complessivi che nei piani del ds salentino dovrebbero essere almeno parzialmente depennati dai costi della prossima stagione tramite cessioni o prestiti. Non fanno parte del gruppo Paponi che sta per tornare all’Ancona ma neanche Yaisien ovvero l’unico trequartista di ruolo attualmente sotto contratto con il Bologna.

Print Friendly, PDF & Email



One thought on “Metà Bologna parte per il ritiro
Assenti centrocampo e fascia destra

  1. Jonahlomu

    l’allarmismo di questo articolo è veramente eccessivo e stucchevole! Se l’attuale società Bologna ritenesse di fare il campionato di A con gli uomini del ritiro, sarebbero tutti da internare. È’ facile brontolare quando i soldi li mettono gli altri (e ricordiamoci sempre che abbiamo avuto i Porcedda, i Guaraldi ecc.!). Lasciamoli lavorare e vedrete che il signor Saputo, che pure ha già messo 40 milioni per tamponare i buchi di Ciccioponteggio, non butta i soldi, anche se li ha.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *