Milan al top in tv, Bologna a 53mila spettatori di media


Analisi degli ascolti tv della Serie A che premiano il Milan più di Juventus e Inter, ma ci sono partite con meno spettatori in tv che allo stadio. Bologna a quota 53mila di media

– di Marco Vigarani –

Doppietta decisiva di Carlos Bacca nel 3-2 del Milan sul Palermo (ph. Zimbio)

Il Milan è la squadra che attrae più telespettatori in Italia (ph. Zimbio)

Dopo quattordici giornate di Serie A è giunto il momento di compiere una prima analisi sull’andamento del nostro calcio sui canali televisivi dedicati dalle due piattaforme a pagamento e nel farlo si notano alcune sorprese e numeri a volte davvero sconsolanti. Quello che non sorprende affatto è che la tv satellitare Sky (unica a detenere l’esclusiva dell’intero campionato) nella maggior parte dei casi registra più del doppio degli utenti collegati rispetto alla piattaforma digitale Mediaset, ma tutti i dati riportati nelle righe seguenti saranno complessivi di entrambe le offerte, se disponibili. Il primo dato significativo è che, nonostante un’assenza dai vertici della classifica che dura ormai da cinque anni, gli italiani davanti alla tv premiano più il Milan dei pluricampioni della Juventus che invece lottano per il secondo posto insieme all’Inter. Assolutamente più distante la Roma, mentre invece nelle ultime giornate si sta registrando un’interessante crescita degli ascolti relativi alle partite del Napoli.

I picchi di interesse sono però sporadici visto che raramente le gare dell’attuale Serie A raggiungono i 2 milioni di audience ed in un solo caso su 140 partite finora disputate è stata superata la soglia dei 3 milioni di telespettatori: è accaduto per il big match Inter-Juventus dell’ottava giornata ovvero quella che ha registrato anche il maggior numero di contatti in assoluto (poco più di 8 milioni). Il turno che ha destato meno interesse è stato invece il quinto, significativamente infrasettimanale, che si è fermato poco oltre i 4 milioni di spettatori ma non ha registrato nel suo calendario la gara meno seguita del campionato. Per trovarla bisogna risalire fino alla giornata inaugurale di fine agosto quando Empoli-Chievo tenne “incollati” ai teleschermi appena 3705 appassionati. Per avere una dimensione ancor più precisa di questo dato disastroso basti pensare che quella sera allo stadio Castellani erano presenti 7309 tifosi ovvero praticamente il doppio.

Mattia Destro lotta con Ali Adnan durante Bologna-Udinese (ph. Zimbio)

Erano appena in 11079 davanti alla tv per Bologna-Udinese (ph. Zimbio)

I dati del Bologna all’interno di questo quadro sono tutto sommato soddisfacenti visto che in media i rossoblù attraggono 53mila spettatori a partita ed in occasione della gara contro l’Inter hanno segnato anche l’ascolto record di giornata con poco meno di 1,5 milioni di audience complessiva. Il dato peggiore invece è relativo a Bologna-Udinese (flop di giornata in Serie A) quando furono appena 11079 i telespettatori a scegliere di guardare la partita in tv a fronte di 15376 presenze al Dall’Ara. La formazione felsinea in altre tre occasioni ha superato il milione di appassionati (per le gare contro Roma, Lazio e Juventus) e solo un’altra volta si è ritrovata in fondo alla graduatoria delle gare meno seguite: era la sfida contro il Frosinone. A tal proposito le altre due neopromosse registrano dati assolutamente insoddisfacenti collezionando quattro flop assoluti a testa e medie di spettatori davvero misere: 32mila per il Frosinone e 22mila per il Carpi.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *