Milan, piove sul bagnato: tanti gol degli ex in un weekend nero


Rossoneri sconfitti a Bergamo mentre tanti ex Milan segnano in giro per il mondo: da El Shaarawy a Suso, da Ibra ad Aubameyang, persino Pato in gol

– di Luigi Polce –

Disastro Milan. I rossoneri di Sinisa Mihajlovic stanno vivendo con tutta probabilità il momento peggiore della loro stagione: sconfitti domenica a Bergamo, Bacca e soci devono difendersi dall’assalto del Sassuolo, ora distante solo una lunghezza dal sesto posto. Nelle ultime quattro uscite, due punti e soli due gol realizzati: quello di Bacca contro la Lazio e il penalty trasformato da Luiz Adriano contro l’Atalanta. Ora la squadra è in ritiro e prepara la sfida da brividi alla Juventus, in programma sabato sera a San Siro, tra confusione (tattica ma non solo) e mugugni da parte dei calciatori stranieri, infuriati per la decisione presa dal club di Via Aldo Rossi, che nel frattempo (ironia della sorte) ha visto proprio nell’ultimo week-end tanti ex segnare ed esultare.

Gol all'esordio con la maglia del Chelsea per Pato (ph. eurosport)

Gol all’esordio con la maglia del Chelsea per Pato (ph. eurosport)

La lista è lunga e contiene campionissimi, flop oppure calciatori sui quali forse si poteva spendere un po’ di fiducia in più, specie in un momento storico come quello odierno: è il caso di Stephan El Shaarawy, tornato a gennaio dal prestito al Monaco e girato in tutta fretta alla Roma, dove è già arrivato a 6 gol in 9 partite e segnando anche nel derby, con Pioli condannato all’esonero. Un altro scaricato senza troppi complimenti è stato Suso, che ha firmato una tripletta nel poker del Genoa al Frosinone. Si prosegue con Acerbi (Sassuolo) e Birsa (Chievo), per non parlare di Alberto Paloschi: cresciuto nelle giovanili del Milan e designato dagli addetti ai lavori come l’erede di Pippo Inzaghi dopo il gol lampo in un Milan-Siena 1-0 del 2008, si è trasferito nell’ultima sessione invernale dal Chievo allo Swansea di Guidolin, ed è andato a segno nel 2-2 in rimonta contro lo Stoke. Gioie estere a forti tinte rossonere anche per Alexandre Pato, in gol all’esordio con la maglia del Chelsea dopo mesi di anonimato assoluto, e per Van Ginkel (doppietta con la maglia del Psv). La tripletta di Ibrahimovic o il pallonetto morbidissimo di Aubameyang rincarano la dose, alla quale si aggiunga anche una spolveratina di Fernando Torres: per il Niño un gol in Liga contro il Betis Siviglia e uno anche ieri, nell’andata dei quarti di finale di Champions League contro il Barcellona. E per non farsi mancare proprio nulla, si registrano anche le marcature dei brasiliani Kakà (Orlando) e Robinho (tripletta con l’Atletico Mineiro). Beffa atroce per un Milan che deve rifuggiarsi nel passato per non pensare all’amaro presente.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *