Milik entra ed ammazza il Bologna: a Napoli finisce 3-1


Al Napoli serve l’ingresso in campo di Milik per abbattere la resistenza del Bologna che aveva ripreso il pareggio con Verdi dopo il vantaggio di Callejon 

– di Marco Vigarani –

Callejon esulta dopo il gol del vantaggio sul Bologna (ph. Il Mattino)

Callejon esulta dopo il gol del vantaggio sul Bologna (ph. Il Mattino)

Il Bologna torna al San Paolo dopo la umiliante goleada dello scorso anno e lo fa in totale emergenza nel reparto offensivo proponendo Verdi come finto centravanti e consegnando la prima maglia da titolare al greco Torosidis sulla sinistra. Dall’altra parte l’ex Gabbiadini tanto amato quanto temuto a guidare l’attacco di Sarri mentre invece Diawara e Giaccherini trovano posto in panchina. La prima occasione è per Dzemaili con un colpo nel cuore dell’area al termine di una bella ripartenza guidata dallo stesso svizzero ma il gol lo segna il Napoli prima del quarto d’ora: Insigne pennella sul secondo palo, Torosidis si perde completamente il taglio di Callejon che deposita facilmente in porta di testa. Il Bologna improvvisamente si spegne e così il fantasista partenopeo ha anche l’occasione per raddoppiare pochi minuti dopo ma Da Costa riesce a neutralizzare il pericolo rischiando però grosso anche al 25′ su un tiro a giro ancora di Insigne. I ragazzi di Donadoni sono però ormai scomparsi dal campo ed il Napoli spesso si presenta in massa nella metà campo rossoblù legittimando il vantaggio.

Doppietta anche al Bologna per il polacco Milik (ph. Calciomercato.com)

Doppietta anche al Bologna per il polacco Milik (ph. Calciomercato.com)

Si riparte senza cambi ma la sostanza resta la stessa con il Napoli che attacca andando pericolosamente al tiro con Hamsik al 50′ pur mostrando qualche sbavatura in fase difensiva. Proprio un’incertezza a firma del portiere azzurro Reina al 57′ aiuta il Bologna a raggiungere un inatteso pareggio con Verdi, a segno con una bomba da fuori area che conferma il suo grande stato di forma soprattutto psicologica dopo il gol realizzato contro il Cagliari. Sull’1-1 entrano Donsah per Nagy e Milik per Gabbiadini, i padroni di casa sembrano accusare il colpo del pareggio e così Sarri cambia anche Strinic con Ghoulam ma pochi istanti dopo arriva il 2-1 a firma proprio del centravanti polacco con uno splendido colpo sotto a scavalcare Da Costa dopo un taglio perfetto nella difesa rossoblù. Il Bologna cerca la reazione immediata e così il Napoli inserisce Allan per Jorginho mentre Donadoni risponde con Rizzo per Krejci. Ancora brividi con Insigne che spreca un buon contropiede ma il terzo gol arriva comunque al 78′ ancora con Milik agevolato da un’ingenuità di Da Costa che si fa infilare rasoterra sul primo palo. L’ultima mossa di Donadoni è Masina per Torosidis ma soprattutto per rispondere all’espulsione di Krafth con fallo da ultimo uomo su Zielinski ma la gara va in archivio sul 3-1.

Sconfitta assolutamente preventivabile per il Bologna che torna a casa senza punti da Napoli dopo una gara resa ancor più difficile dall’assenza di un vero attaccante. Rossoblù in partita per un quarto d’ora e poi rientrati sul pari all’improvviso soprattutto a causa del momento di blackout dei partenopei. L’ingresso di un paio di titolari, su tutti il devastante Milik, e le prime gravi disattenzioni in rossoblù di Da Costa hanno regalato a Sarri un successo senza ombre. Per Donadoni invece ci sarà ancora tanto da fare per poter affrontare a testa alta questo genere di sfide.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *