Mistero Gabbiadini: nel futuro Napoli, Bologna, Firenze o…


Manolo Gabbiadini può essere il protagonista del mercato di gennaio perchè potrebbe trovare altrove lo spazio che non trova a Napoli. Sulle sue tracce Bologna, Fiorentina e non solo

– di Marco Vigarani –

Manolo Gabbiadini insegue una maglia per Euro 2016 (ph. Zimbio)

Manolo Gabbiadini insegue una maglia per Euro 2016 (ph. Zimbio)

C’è un regalo che sicuramente ha trovato posto nella lista dei desideri di migliaia di tifosi rossoblù per il Natale appena trascorso: rivedere a Casteldebole da gennaio Manolo Gabbiadini. L’attaccante è un sogno cullato da tempo e rinvigorito dai frequenti attestati di stima ed affetto che il ragazzo stesso non ha mai lesinato nei confronti di una squadra e di una città che per lui hanno un valore speciale. Nel 2012/13 l’allora tecnico rossoblù Stefano Pioli realizzò un lavoro importante nella sua maturazione tecnico-tattica e nel medesimo periodo l’amore operò per le sue consuete vie misteriose legandolo per sempre a questa terra che gli ha regalato una fidanzata e da qualche settimana anche il suo primo figlio. Per completare l’idillio non mancherebbe veramente altro che un’operazione di mercato che consenta al Bologna di rivestire nuovamente di rossoblù Gabbiadini a gennaio formando con Mattia Destro una coppia di goleador potenzialmente devastante tanto per il presente quanto per il futuro.

L’idea c’è e non è un mistero: Corvino ha già provato a muovere le sue pedine con il collega Giuntoli puntando in particolare sul difensore Oikonomou come parziale contropartita tecnica, certo della predilezione dell’ex ds del Carpi per il centrale greco. Parlando di preferenze però da Firenze c’è una minaccia rilevante visto che il tecnico partenopeo Sarri avrebbe chiesto il centrocampista Vecino ed il Napoli potrebbe offrire proprio il prestito di Gabbiadini per facilitare l’operazione. A questo punto però bisogna rilevare che il ragazzo vuole giocare con continuità, essere protagonista nei mesi che porteranno ad Euro 2016, e che in viola non troverebbe lo spazio disponibile invece a Bologna dove Donadoni potrebbe cambiare ben presto modulo passando al 3-5-2 grazie all’arrivo probabile di Ranocchia. Detto che nelle ultime settimane anche Inter e Roma avevano mostrato un certo interesse per Gabbiadini, la prossima settimana arriveranno al Napoli un paio di proposte anche dall’Inghilterra. Ci sarebbe innanzitutto il West Ham ma attenzione anche al Liverpool, a caccia di una punta di alto livello e particolarmente sensibile al mercato italiano su cui sta osservando anche il viola Rossi: in particolare il tecnico Klopp monitora il ragazzo sin dai tempi del Borussia Dortmund e lo vorrebbe portare in Inghilterra per poterlo finalmente allenare.

Gabbiadini in maglia Bologna: un sogno possibile? (ph. Zimbio)

Gabbiadini in maglia Bologna: un sogno possibile? (ph. Zimbio)

Il problema alla base di ogni ragionamento però ha un nome ed un cognome: Aurelio De Laurentiis. Appena un anno fa il presidente del Napoli spese 13,5 milioni di euro per assicurarsi il cartellino di Manolo Gabbiadini ed ora, nonostante il ruolo da comprimario avuto in questi mesi all’ombra del Vesuvio (e di Higuain), non lo valuta meno di 20. Prima ancora della valutazione economica, ne esiste una prettamente tecnica che risiede nel ruolo ricoperto dall’attaccante bergamasco nella rosa di Sarri ovvero quello di unica alternativa credibile all’inamovibile titolare argentino che viaggia a medie realizzative impressionanti. Il Napoli non intende assolutamente privarsi del primo cambio di Higuain e quindi potrebbe cedere Gabbiadini a gennaio soltanto di fronte ad un’offerta davvero irrinunciabile che consenta a Giuntoli di tornare immediatamente sul mercato per acquistare un’altra punta con Eder della Sampdoria primo indiziato. Il Bologna di Saputo è interessato, ma per il momento non sembra pronto a fare follie ma più intenzionato a fare operazioni sulla base del prestito: un input deciso del presidente canadese però potrebbe cambiare radicalmente la strategia (fatto già avvenuto ad agosto scorso per porre rimedio ad un avvio di campagna acquisti stentato) e permettere di arrivare anche a Gabbiadini.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *