Moviola: Aquilanti doveva essere ammonito


Ghersini non fa errori grossolani ma dimostra poca autorevolezza nel gestire le frequenti proteste dei giocatori

– di Federica Trerè –

Davide Ghersini

Davide Ghersini

Coppola travolge l’abruzzese Gatto in area rossoblu, il direttore di gara Ghersini accorda calcio di rigore al Lanciano e, non ravvisando un’evidente opportunità di segnare una rete da parte di Gatto, sanziona il portiere del Bologna con il solo cartellino giallo. Sono passati appena 72 secondi dall’inizio della partita e l’intervento di Coppola è il primo fallo del match. Un inizio travolgente e un’occasionissima per la squadra di casa, che per fortuna dei bolognesi Piccolo spreca mandando il pallone fuori dalla porta. Per il Bologna ci saranno altri due cartellini gialli, a Oikonomou nel primo tempo e a Garics nella ripresa, entrambi provocati da interventi fallosi su Gatto.

Al 22’ del secondo tempo manca un’ammonizione per Aquilanti per un brutto intervento su Cacia. L’attaccante del Bologna protesta animatamente ma Ghersini lascia correre. Nel secondo tempo sono numerosi i falli a cui seguono proteste accese sia da parte di giocatori del Lanciano sia da parte di quelli del Bologna, tuttavia il direttore di gara si limita al richiamo verbale, evidentemente del tutto inefficace in questo frangente per calmare gli animi. Forse qualche cartellino in più avrebbe aiutato nella gestione della partita.

Voto: 5,5

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *