Moviola: il disastro non tocca Gervasoni


Nella disastrosa sconfitta del Bologna a Napoli non ha alcuna responsabilità l’arbitro Gervasoni che concede un rigore giusto. Diawara sarà squalificato

Andrea Gervasoni della sezione di Mantova

Andrea Gervasoni della sezione di Mantova

Commentare la prestazione di un arbitro dopo una partita conclusa sul punteggio di 6-0 spesso può apparire superfluo, ma in particolare quando i precedenti di una delle contendenti sono negativi si presta sempre un occhio di riguardo al lavoro del direttore di gara. Le statistiche di Bologna con il signor Gervasoni si confermano praticamente disastrose sul piano dei risultati ma stavolta i rossoblù non possono davvero reclamare in alcun modo per presunti torti arbitrali. In una gara a senso unico infatti l’esperto fischietto della sezione di Mantova non ha influenzato in alcun modo il risultato finale prendendo poche decisioni ma sostanzialmente tutte corrette. Al 10′ si parte con il primo gol di Gabbiadini, giustamente convalidato visto che Rossettini tiene ampiamente in gioco l’attaccante napoletano dimenticandosi di salire per metterlo in fuorigioco. Si prosegue quindi al 35′ con la concessione di un calcio di rigore, poi trasformato, per un fallo di Constant su Callejon: lo spagnolo entra in area, il difensore lo attende ed abbocca alla finta con cui lo spagnolo sposta il pallone colpendo in pieno le gambe dell’avversario ed obbligando quindi Gervasoni ad indicare il dischetto. In sostanza gli episodi, così come la gara, si concludono qui ma restano da analizzare le ammonizioni comminate durante la partita. Corretto mostrare il cartellino giallo a Mbaye al 37′ per un fallo su Mertens, a Diawara al 52′ per un fallo su Jorginho ed infine a Albiol al 74′ per un gomito largo ai danni di Mounier: in particolare il giovane guineano rossoblù era in diffida e sarà quindi squalificato in vista di Bologna-Genoa. Volendo trovare una pecca alla prestazione di Gervasoni, manca un’ammonizione per Hamsik in avvio di ripresa per un fallo da dietro.

Voto 6,5

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *