Moviola: Fabinho simula, tre squalificati per il Bologna


Pezzuto nega giustamente un rigore al Perugia nel finale ma sanziona duramente i rossoblù con ammonizioni pesanti

Ivano Pezzuto di Lecce (ph. AIA)

Ivano Pezzuto di Lecce (ph. AIA)

Il Bologna esce dal campo con una vittoria ma anche con la certezza di dover far fronte ad assenze importanti in vista della trasferta di Chiavari. Tre dei cinque ammoniti in rossoblù infatti erano diffidati e verranno squalificati dal Giudice Sportivo: si tratta di Zuculini (fallo di mano al 29′), Ceccarelli (fallo su Falcinelli al 64′) e Maietta (gioco pericoloso al 82′). L’arbitro Pezzuto usa molto l’arma del cartellino giallo soprattutto nei confronti dei padroni di casa ma in modo tendenzialmente corretto graziando anche in un paio di occasioni Oikonomou (poi comunque ammonito per un fallo tattico al 54′) ma soprattutto gli stessi Maietta e Zuculini, in particolare l’argentino per un fallo analogo a quello che ad Avellino costò l’espulsione a Matuzalem.

Risultano corretti i gialli per Giacomazzi (fallo su Sansone da cui nasce la punizione del raddoppio rossoblù al 78′) e Fabinho nel Perugia. Quest’ultimo in particolare tenta la simulazione appena entrato nell’area di rigore nei minuti finali del match a caccia di un disperato pareggio: il tuffo del brasiliano sembra piuttosto chiaro così come lo stesso Fabinho al 90esimo inganna invece l’arbitro su un intervento scomposto ma sostanzialmente innocuo di Buchel che però riceve l’ammonizione. Nel complesso la direzione di gara non è sembrata particolarmente ispirata ma alla fine ha evitato al Bologna di affrontare ulteriori difficoltà.

Voto: 5,5.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *