Moviola: tanti ammoniti e Calaiò espulso


L’arbitro La Penna estrae dieci cartellini gialli ed un rosso all’indirizzo di Calaiò pur senza issarsi a protagonista negativo della gara tra Bologna e Catania

Federico La Penna

Federico La Penna, arbitro di Bologna-Catania

Dopo le polemiche di Bari ed i tentativi di influenza da parte dell’amministratore delegato del Catania, l’arbitro La Penna ha utilizzato un metro di valutazione piuttosto duro per la sfida del Dall’Ara pur non issandosi mai a protagonista dell’incontro ed applicando il buon senso quando necessario. Sono infatti ben dieci i cartellini gialli mostrati agli atleti in campo più un’espulsione ai danni di Calaiò che al 70′ in pochi secondi ha raddoppiato l’ammonizione prima con un fallo violento ai danni di Sansone e poi con proteste evidentemente offensive nei confronti del direttore di gara. Sono quasi tutti corretti i provvedimenti presi nei confronti dei calciatori, rei di gioco scorretto ad eccezione di Cacia che al 31esimo paga il tocco volontario di mano sotto porta: l’unica pecca riguarda l’ammonizione ai danni di Laribi che arriva in realtà per un fallo commesso da Morleo.

Da segnalare un accenno di nervosismo tra Casarini e Belmonte nella ripresa con i due giocatori che si spintonano per una rimessa laterale ma in questo caso La Penna è bravo a non farsi prendere la mano e ad evitare provvedimenti disciplinari richiamando però entrambi gli atleti ad un riappacificamento. Buona anche la gestione del blackout: mandate le squadre negli spogliatoi, l’arbitro ha dato il tempo ai tecnici di intervenire facendo riprendere la gara dopo una decina di minuti.

Voto: 6.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *