NBA: i Kings crollano in casa, il solito Curry demolisce New York


Senza Belinelli i Kings crollano in casa contro i Pelicans. Curry continua a spadroneggiare, vittorie pesanti per Thunder e Clippers in trasferta

– di Calogero Destro –

Steph Curry, trascina i suoi con 34 punti contro i Kniks (ph. Zimbio)

Steph Curry, trascina i suoi con 34 punti contro i Knicks (ph. Zimbio)

Dopo l’agevole vittoria sul parquet dei Lakers più disastrati della storia, Sacramento non riesce a bissare nella gara in casa contro i Pelicans che impongono il 123-108 finale. Privi di Marco Belinelli per un fastidio muscolare rimediato 48 ore fa a Los Angeles, i Kings tengono botta solo nel primo quarto che chiudono sotto di 2 punti per poi essere affossati nella seconda frazione da un super Ryan Anderson (29 punti alla fine per lui con 5/6 da 3). Si gioca praticamente senza difendere e uno svogliato Cousins, insieme al volenteroso Collison, cercano di riattaccarsi alla partita ma non basta. L’ultimo parziale si apre con i padroni di casa sotto di 15 e senza più nemmeno il pubblico amico che abbandona le tribune per protesta e serve solo per aggiustare qualche statistica da una parte e dall’altra.

Curry domina, Thunder e Clippers corsare –  Inarrestabili i Warriors: guidati dal solito straripante Curry (34 punti con 8/13 da 3), gli uomini di coach Kerr seppelliscono i malcapitati Knicks 121-85. Intanto, la squadra della baia, galoppa veloce verso la storia e a 15 gare dalla fine della regular season, solo una catastrofe potrebbe fargli mancare il record che fu dei Bulls di Jordan. Vittorie pesantissime per Thunder e Clippers, che danno una grande prova di forza vincendo sui campi rispettivamente di Boston e Houston. La sqaudra di Rivers vola grazie ai 16 assist di Paul e i 25 punti di Reddick che fa registrare un pesantissimo 7/15 da 3 e mantiene ben saldo il quarto posto ad ovest. Oklahoma espugna il TD Garden grazie a uno straordinario Durant (29 punti, 9 assist, 7 rimbalzi) che dopo la gara non lesina parole d’apprezzamento nei confronti di Boston come ambiente e società. Che sia un chiaro segnale in chiave free agency?

Gallinari rassicura tutti: per il pre-olimpico ci sarà – Intanto arrivano buone notizie da Danilo Gallinari che, intervistato da Eurosport, ha rassicurato tutti affermando che per il pre-olimpico la sua presenza non è in discussione.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *