Nella Juve fa tutto Tevez. Destro centravanti fantasma


Top e Flop della 28^ giornata di Serie A

– di Francesco Ferrari –

TOP

Nonostante l'errore dal dischetto Tevez risulta sempre dcecisivo

Nonostante l’errore dal dischetto Tevez risulta sempre dcecisivo

Tevez (Juventus): Sbaglia un rigore, è vero, ma segna un gol da vero centravanti con un destro potente e imparabile che si infila sotto la traversa di un incolpevole Perin. Grazie soprattutto alle sue reti la Juventus in campionato viaggia in totale tranquillità, potendosi concentrare sulla Champions League;

Saponara (Empoli): prestazione da incorniciare per il trequartista di proprietà del Milan, tornato in prestito nella squadra che lo aveva lanciato. Due reti e un assist per dimostrare come l’ambiente sia fondamentale per potersi esprimere ai massimi livelli. Grazie alla sua grande gara e alla solita ottima prestazione corale, l’Empoli di Sarri raggiunge l’8° risultato utile consecutivo, un record per i toscani;

Eder (Sampdoria): grazie alla sua punizione la Samp viaggia ai piani alti della classifica e rivive il sogno di tornare in Europa dopo diversi anni. Era la sfida tra Mancini e Mihajlovic e alla fine è stata decisa, guarda caso, proprio da una punizione.

FLOP

Pessima prestazione per Mattia Destro, un fantasma in campo

Pessima prestazione per Mattia Destro, un fantasma in campo

Destro (Milan): una partita da fantasma in campo. Non si capisce se gli schemi di Inzaghi realmente penalizzino il centravanti, sta di fatto che Mattia tocca forse 3-4 palloni nel corso di tutta la gara, lasciano al compagno Menez, libero di svariare sulla trequarti, gli onori della giornata;

Lucarelli (Parma): in un momento così difficile per la squadra ci si aspetta un supporto ben diverso dal capitano, Cristiano invece perde completamente la testa e lascia la squadra in 10 uomini dopo 36′ di gara e sul risultato di 1-o per il Torino. Comportamento che sembra quasi un “abbandono della nave”;

Andelkovic (Palermo): pessima prestazione del difensore, senza il compagno di reparto Gonzalez sembra aver smarrito la sicurezza che lo aveva ben distinto ad inizio stagione. Lascia la squadra in 10 uomini commettendo il fallo di mano che causa il rigore, sbagliato poi da Paloschi.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *