Neopromosse a picco in Italia e Francia, bene Spagna e Germania


I miracoli Carpi e Frosinone non durano come il Gazelec in Francia, bene il Betis e l’Angers: storie di neopromosse ad un anno di distanza

– di Marco Vigarani –

La festa del Frosinone (ph Ansa)

Un anno fa il Frosinone festeggiava la sua prima Serie A ma la favola non è durata (ph Ansa)

Se oggi le cronache sportive e non solo celebrano con dovizia di particolari l’impresa del Leicester di Ranieri, dodici mesi fa l’argomento sulla bocca di tutti erano le neopromosse a sorpresa in quasi tutti i campionati europei. La stagione 2015/16 ha infatti visto ben sei squadre esordire per la prima volta nella loro storia nelle sei principali competizioni del Vecchio Continente ma solo per la metà di loro la favola ha avuto anche un lieto fine. Come per accontentare le nefaste previsioni di Lotito, la Serie A si è rivelata uno scoglio troppo duro per Carpi e Frosinone che, pur combattendo con onore e dignità, sono state relegate nuovamente in B a differenza del Bologna che ha mantenuto la categoria. Immediata retrocessione anche per il Gazelec Ajaccio in Francia che aveva illuso i suoi tifosi con tre mesi senza sconfitte tra ottobre e gennaio per poi vanificare lo sforzo nel finale di Ligue 1, complici anche sfide contro top team come PSG e Lione. Per tre miracoli a breve termine, ce ne sono però altrettanti destinati a proseguire a partire dall’eccellente (e ricco) Ingolstadt che ha chiuso la sua prima stagione di Bundesliga all’undicesimo posto mentre in Inghilterra il Bournemouth si è dovuto accontentare della sedicesima piazza comunque a +5 dalla zona retrocessione. Ha invece sudato freddo in Portogallo il Tondela che si è salvato soltanto per un punto.

Angers (ph. L'Equipe)

Fantastica stagione dell’Angers che è rimasto a lungo nelle zone nobili della Ligue 1 (ph. L’Equipe)

Ampliando l’analisi a tutte le squadre neopromosse al termine della scorsa stagione, scopriamo che in generale ben più della metà sono riuscite ad evitare un’immediato passo indietro anche se in alcuni campionati solo una squadra ha avuto successo. Già ricordato il Bologna, unica squadra salvatasi in Serie A, va fatto però un applauso all’Angers che ha disputato una stagione clamorosa in Ligue 1. I bianconeri infatti non solo si sono classificati noni, ma non sono neanche mai scesi sotto la dodicesima posizione occupando per più di metà campionato posizioni di vertice valevoli per la qualificazione alle competizioni europee. Decima posizione finale invece per il Betis inseguito dal Las Palmas, altra neopromossa di una Liga che ha visto salvarsi anche lo Sporting Gijon anche se con un solo punto di vantaggio sulla zona retrocessione. Oltre alla Spagna, anche la Germania ha visto tutte le sue matricole mantenere la categoria visto che il Darmstadt si è piazzato quattordicesimo con due punti di distacco dal pericolo. Infine in Portogallo, altra competizione che schierava solo due neopromosse, è retrocesso il Madeira.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *