Nessun miracolo per Rossi, Lorenzo è campione


Non riesce la clamorosa rimonta a Rossi che chiude quarto a Valencia e così Lorenzo si laurea nuovo campione del mondo della MotoGP

– di Marco Vigarani –

Jorge Lorenzo è campione della MotoGp 2015 (ph. MotoGP)

Jorge Lorenzo è campione della MotoGp 2015 (ph. MotoGP)

Due settimane di parole, insinuazioni, sospetti. Quattordici giorni di appelli e proteste indignate ma anche di spudorata campagna promozionale come se al mondo tutti i problemi fossero racchiusi in qualche chilometro d’asfalto ed una ventina di motociclette. Alla fine però il tanto atteso miracolo sportivo non è accaduto, Valentino Rossi non ha ottenuto il suo decimo titolo mondiale che è invece finito meritatamente nelle mani di Jorge Lorenzo ovvero il pilota che in stagione ha ottenuto il maggior numero di trionfi diciotto circuiti della manifestazione. Sette vittorie per lo spagnolo contro quattro dell’italiano forse dovrebbero già bastare per spiegare il significato del quinto titolo iridato per lo spagnolo della Yamaha che ha vissuto un’ultima gara tranquilla nella consapevolezza che il suo unico avversario era realisticamente troppo lontano per poter pensare davvero ad una rimonta. Rossi è partito ultimo in griglia dopo la scorrettezza di Sepang, ha infilato una manciata di avversari già al termine del primo rettilineo, si è inserito nel gruppo centrale impiegando una decina di giri a superare piloti più o meno compiacenti ma quando poi, raggiunto il quarto posto, ha avuto pista libera non è più riuscito ad affondare il colpo nè tantomeno a recuperare secondi al terzetto di testa. La moto aveva già consumato troppo nel lavoro certosino fatto in precedenza e soprattutto il distacco di oltre 11” dal terzetto di testa era ormai incolmabile per chiunque. Si discuterà probabilmente a lungo della condotta di gara degli spagnoli con Lorenzo partito in pole position con Marquez e Pedrosa alle spalle chiudendo poi la gara con il medesimo assetto. Per gli occhi dei tifosi di Rossi le due Honda avrebbero infatti praticamente scortato la Yamaha numero 99 fino alla bandiera a scacchi ma in realtà la gara odierna ha avuto un senso decisamente relativo. Il Mondiale infatti è stato deciso sulla pista di Sepang e da quel momento era chiaro che il Dottore non avrebbe avuto alcuna possibilità di vincere: una lezione dura ma che dovrà servire a tutti a partire dal prossimo anno. Quando Jorge Lorenzo si presenterà al via della stagione da campione del mondo in carica.

Classifica piloti
Lorenzo 330; Rossi 325; Marquez 242; Pedrosa 206; Iannone 188; Smith 181; Dovizioso 162; Crutchlow 125; Espargaro P 114; Petrucci 113; Espargaro A 105; Vinales 97; Redding 84; Hernandez 56; Barbera 33; Bautista 31; Baz 28; Bradl, Miller 17; Hayden 16; Pirro 12; Laverty 9; Nakasuga, Di Meglio 8; Aoyama 5; Takahashi 4; Elias, De Angelis 2.

Classifica squadre
Yamaha 407; Honda 355; Ducati 256; Suzuki 137; Aprilia 36; Forward Yamaha 35; Art 2.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *