Nessuno vuole più Cassano e Balotelli


Il calcio italiano ed europeo sembra aver voltato le spalle a Cassano e Balotelli, talenti dal carattere decisamente particolare che non riescono a trovare una squadra per la nuova stagione

– di Marco Vigarani –

Genio e sregolatezza sono le caratteristiche che li hanno sempre accomunati anche se distanti anagraficamente quasi dieci anni, ma oggi c’è un altro tratto in comune tra Mario Balotelli e Antonio Cassano: non avere una squadra per la prossima stagione. Anche se le vicende dei due atleti sono differenti, alla base di questa situazione si trova comunque un carattere bizzoso, ribelle ed incontrollabile dentro e fuori dal campo che ha fatto terra bruciata intorno ai due talentuosi calciatori che ad un mese dall’inizio della nuova stagione si ritrovano appiedati. Ieri anche l’amministratore delegato rossoblù Claudio Fenucci ha negato di volerli portare a Bologna.

Balotelli e Cassano non hanno una squadra per la prossima stagione  (ph. Zimbio)

Balotelli e Cassano non hanno una squadra per la prossima stagione (ph. Zimbio)

A dire il vero Balotelli ha un contratto in essere con il Liverpool valido fino al giugno 2018 ma il club britannico ha chiaramente perso le speranze di poter recuperare psicologicamente la punta tanto da escluderla dal ritiro e dalle tournée estive nella speranza che il mercato porti un’offerta per il suo cartellino. L’ultima partita giocata dall’ex attaccante di Milan e Inter risale al 28 aprile mentre per cercare il gol più recente bisogna andare ancora indietro fino a febbraio: da allora Balotelli si è segnalato solo per qualche polemica su Twitter. Negli ultimi giorni gli era arrivata addirittura una proposta da parte dell’ex compagno Amelia per unirsi alla Lupa Roma in Lega Pro, ma la punta ha cortesemente rifiutato.

Era invece il 26 gennaio quando Antonio Cassano decideva di lasciare il Parma già in fase di avanzato naufragio a differenza dei compagni e di mister Donadoni che non fecero nulla per nascondere il proprio disappunto. Il giorno precedente il fantasista barese aveva disputato la sua ultima gara in Serie A e negli ultimi giorni di mercato nessuno si era fatto vivo per tesserarlo. Negli ultimi sei mesi quindi Cassano non ha avuto altro da fare se non rilasciare sporadiche interviste di critica al mondo della Serie A che per il momento non sembra interessato a riaccoglierlo. Anche la Sampdoria infatti, su consiglio del nuovo tecnico Zenga, ha deciso di non riportarlo in maglia blucerchiata nonostante le voci circolate nelle ultime settimane.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *