No ai furbetti della squalifica, proposto il sorteggio


La Bundesliga ha proposto di introdurre la squalifica a sorteggio per evitare le ammonizioni pilotate dei calciatori in diffida

– di Marco Vigarani –

Ammonizione

Dalla Germania arriva la proposta della squalifica a sorteggio per impedire i calcoli delle diffide

Ormai le regole anche nel calcio sembrano fatte per essere aggirate e così anche il provvedimento di diffida per somma di ammonizioni sta diventando sempre di più un’opportunità da sfruttare perdendo la sua caratteristica sanzionatoria. Mentre in Italia ci si chiede quando mai scatterà la squalifica per lo juventino Bonucci che ormai da nove gare si trascina il rischio senza essere mai ammonito, in Germania si sta valutando di introdurre una novità rivoluzionaria che potrebbe trovare ben presto applicazione anche in altri campionati. Tutto nasce dalla candida ammissione del centrocampista Zlatko Junuzovic, tesserato del Werder Brema, che a proposito dell’ammonizione rimediata ha detto: “Il giallo era programmato: ho tirato la maglia all’avversario perché non voglio fare male a nessuno. Abbiamo alcune partite che possono essere molto importanti e non voglio saltarle“. Nella stessa gara anche il compagno Fritz ha deciso di attuare lo stesso sistema per far scattare la squalifica e ripulirsi dalla diffida. La gara scelta per non andare in campo è quella contro il Bayern Monaco, considerato una formazione troppo forte per sprecare energie preziose e sostanzialmente gara archiviata già come una sconfitta virtuale sin da inizio stagione. Nel recente passato la sfida contro i bavaresi venne utilizzata per lo stesso scopo anche da cinque tesserati del Darmstadt, tutti ammoniti nella partita precedente nel corso degli ultimi cinque minuti. Allora però nessuno ammise il piano mentre invece l’ingenuo Junuzovic ha svelato il mistero e così ha ricevuto, al pari di Fritz, una multa da 20mila euro. Questo gesto di antisportività che sfocia addirittura in un utilizzo irregolare delle norme potrebbe però essere presto contrastato da una nuova idea al vaglio della Federcalcio tedesca: la squalifica a sorteggio. Il funzionamento è stato illustrato chiaramente dallo stesso presidente Rainer Koch: “Invece di squalificare automaticamente un giocatore dopo la quinta o la decima ammonizione per la partita successiva, si potrebbe sorteggiare una gara da fargli effettivamente saltare fra le tre giornate successive“. Ecco allora che l’inganno perderebbe ogni valore e forse si ripristinerebbe il più elementare rispetto delle regole.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *