I numeri dicono Lazio. Sfida in tribuna tra gli ex Tare e Di Vaio


Il Bologna ha vinto solo il 18% delle gare in casa della Lazio ma è imbattuto con l’arbitro Di Bello. Gli ex Tare e Di Vaio oggi sono dirigenti

– di Marco Vigarani –

Mancosu finalmente in gol contro la Lazio (ph. Bologna)

Mancosu in gol contro la Lazio all’esordio nella scorsa stagione (ph. Bologna)

Giocare allo Stadio Olimpico contro i biancocelesti per il Bologna è da sempre un’impresa ardua troppo spesso conclusa con una sconfitta. Sono infatti 62 i precedenti dei rossoblù in casa della Lazio e soltanto in 11 occasioni gli emiliani sono usciti vincenti: un 18% scarso che impallidisce al confronto delle 35 vittorie dei capitolini, autori anche di un numero di reti quasi doppio rispetto agli avversari (115 contro 65). La storia recente conferma questa grande difficoltà nel fare risultato visto che dopo la vittoria per 2-1 ottenuta esattamente vent’anni fa nella stagione 1996/97, il Bologna è uscito vincente dall’Olimpico soltanto nel 2012. Nel frattempo la Lazio ha sempre vinto ad eccezione di tre gare: un dominio praticamente assoluto culminato nel tennistico 6-0 del 2013. Curiosamente, tra cessioni ed infortuni, dei 22 atleti che sono scesi in campo nell’agosto del 2015 per inaugurare lo scorso campionato soltanto 8 potrebbero teoricamente essere protagonisti anche oggi: tra essi non ci sono i tre marcatori. Ecco i tabellini degli ultimi sei Lazio-Bologna:

2015/16 – 22 agosto 2015, 2-1 (Biglia, Kishna, Mancosu)
2013/14 – 18 maggio 2014, 1-0 (Biglia)
2012/13 – 5 maggio 2013, 6-0 (Klose, Hernanes, Klose, Klose, Klose, Klose)
2011/12 – 11 marzo 2012, 1-3 (Portanova, Diamanti, autogol Rubin, Krhin)
2010/11 – 12 settembre 2010, 3-1 (Mauri, Rocchi, Mudingayi, Hernanes)
2009/10 – 29 novembre 2009, 0-0

Tare in azione contro l'Empoli nel 2004 (ph. Getty Images)

Tare in azione contro l’Empoli nel 2004 (ph. Getty Images)

Stranamente la sfida odierna presenta tra i convocati di entrambe le squadre un solo ex ovvero Sergio Floccari che tra il 2010 ed il 2014 ha vestito per 106 volte la maglia della Lazio trovando in 31 occasioni la via del gol: si tratta per l’esperto attaccante del record assoluto sia di presenze che di reti. In realtà però curiosamente c’è una sfida a distanza tra ex anche in tribuna visto che Marco Di Vaio, attuale club manager dei rossoblù, ha svolto tutto il percorso delle giovanili in casa Lazio arrivando all’esordioda professionista in biancoceleste mentre invece l’attuale ds capitolino è Igli Tare, attaccante che ha giocato due stagioni (2003/04 e 2004/05) a Bologna collezionando 57 presenze complessive e 12 marcature. Allenatore di fatto alle prime esperienze in A, Simone Inzaghi non ha precedenti in panchina nè contro il Bologna nè contro Donadoni che invece ha un bilancio negativo negli scontro con la Lazio: 3 vittorie, 3 pareggi e ben 6 sconfitte.

Infine l’arbitro odierno è Marco Di Bello, 35enne di Brindisi che ha alle spalle 45 gare in Serie A di cui sei con la Lazio (4 vittorie, 1 pareggio e 1 sconfitta) e cinque con il Bologna (3 vittorie e 2 pareggi). Curiosamente si tratta dello stesso arbitro che a gennaio 2016 ha diretto la medesima gara a campo invertito e conclusa con il punteggio di 2-2.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *